Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Towering, alt governo a Mediaset per acquisizione RaiWay. Ma Borsa premia titoli e comunque vada il Biscione vince
 
Il towering è un mercato promettente, anche perché è il crocevia per tecnologie eterogenee: comunque sia, Wi-Fi, Tv, Radio, e servizi di tlc in generale hanno sempre bisogno di siti radioelettrici strategici, soprattutto in Italia, dove il controllo di postazioni trasmittenti consente un vero e proprio controllo indiretto del mercato.
Mediaset l'ha capito prima degli altri e ha deciso di (tentare di) acquisire il controllo di Rai Way (foss'anche solo per coordinarla con EI Towers sul piano commerciale e tecnico), appena quotata in Borsa (con successo). Per farlo mette sul piatto 1,2 mld di euro (le torri Wind sono state valutate tra 700 mln ed 1 mld di euro). E, come certamente previsto dal Biscione, l'iniziativa sveglia il cane che dorme. L'esecutivo reagisce subito e ricorda che deve rimanere in mano della Rai (oggi al 65%) almeno il 51% della controllata. È uno stop alle mire del Biscione a norma di legge, visto che al controllo pubblico fa riferimento il decreto della presidenza del consiglio varato lo scorso settembre in vista della quotazione, «anche considerata l'importanza strategica delle infrastrutture di rete». Palazzo Chigi rivendica comunque «la scelta compiuta dal governo di valorizzare la società facendola uscire dall'immobilismo nel quale era confinata». E l'offerta d'acquisto e scambio annunciata dalla controllata di Mediaset (al 40%), Ei Towers, ne è una conferma. L'Opas non è amichevole o, quanto meno, è 'unsolicited' ossia non sollecitata, sottolineano fonti del gruppo radiotelevisivo pubblico. L'operazione con la quale Cologno Monzese punta ad arrivare a prendere almeno il 66,67% del capitale del torri Rai, sarà oggetto di una informativa da parte del direttore generale Luigi Gubitosi al Cda. Ma, stando così le cose, rischia di finire tutto in un nulla di fatto. «L'offerta di Mediaset appare poco comprensibile, il governo è stato chiaro su Rai Way: la quotazione in borsa è stata vincolata alla cessione di una quota non superiore al 49%, il controllo delle torri del servizio pubblico resta saldamente in mano pubblica», fissa per primo i paletti il deputato del Partito democratico e segretario della commissione di Vigilanza Rai, Michele Anzaldi. «Continua il patto del nazareno televisivo: una risorsa pubblica messa sul mercato sta per essere fagocitata dal gruppo Mediaset», attaccano i deputati del Movimento 5 Stelle della commissione Trasporti della Camera e chiedono un intervento deciso dell' Antitrust «per scongiurare la creazione di un monopolio in un mercato strategico». L'operazione «se andasse in porto determinerebbe una concentrazione tale da mettere a rischio anche la libertà di informazione», sostiene l'Usigrai e chiede di «regolare definitivamente i conflitti di interesse». «Si ripropone il tema della concentrazione anzichè quello dell'investimento sull'informazione pubblica», denuncia la leader della Cgil Susanna Camusso. Al patto per le riforme tra Berlusconi e il premier Matteo Renzi fa riferimento il capogruppo Sel alla Camera Arturo Scotto: «Lanciamo un allarme: non vorremmo che quel patto del Nazareno uscito dalla porta rientrasse dalla finestra». «Prima Mondadori-Rcs, poi Mediaset-Raiway: ora aspetto che il Milan compri l'Inter», sceglie con un tweet la via dell'ironia l'ex segretario del Pd, Pier Luigi Bersani. Di certo l'offerta dovrà passare al vaglio dell'Antitrust, cui Ei Towers ha mandato la notifica, mentre la Consob si è già mossa con richieste di informazioni agli intermediari finanziari più attivi sui titoli delle società coinvolte. Le quali brindano in borsa. Il mercato apprezza, nel complesso, un progetto industriale capace di tenere in mani italiane un'infrastruttura importante: Rai Way balza del 9,4% a 4,05 euro verso i 4,5 euro al quale viene valorizzata nell'offerta (+52% dal prezzo della quotazione). Ei Towers chiude a +5,2%, Mediaset +1,3%, anche sulla scorta di alcune indiscrezioni secondo le quali l'opas su Rai Way, destinata a schiantarsi politicamente, era solo uno specchietto per l'allodole, essendo il vero (e più accessibile) target di Mediaset le torri di Telecom Italia (ormai Brazil oriented). Come si vede, comunque vada, Berlusconi ha già vinto. (M.L. per NL)
26/02/2015 09:14
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).