Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Towering. Nasce Appice: gestori indipendenti di postazioni tlc. L'unione fa le torri

Una risposta allo strapotere nel towering di EI Towers e (in misura minore) di RAI Way, attraverso la quale i gestori indipendenti di torri di telecomunicazioni vogliono dimostrare che l'unione può ancora fare la forza.
E' questa, in sintesi, la vocazione di Appice, acronimo di Associazione Piccoli Proprietari Infrastrutture Comunicazione Elettronica, ente costituitosi a Milano il 24 maggio dello scorso anno con lo scopo di "riunire soggetti che hanno avuto ed hanno un ruolo fondamentale nello sviluppo del settore delle telecomunicazioni in Italia, garantendo uno stretto legame sul territorio nel quale operano". Sentito da questo periodico, Niccolò Cerizza, portavoce di Appice, ci spiega che "l'associazione mira a mettere in atto azioni finalizzate a migliorare le condizioni di lavoro e di vita, quali ad esempio: la tutela rispetto a posizioni di privilegio o abuso di posizione dominante; la formulazione di regole di comportamento conformi a lealtà concorrenziale; la rappresentanza presso le istituzioni e il mercato; l'assistenza nell'espletamento di pratiche burocratiche necessarie ai fini dell'attività". Inoltre Appice, "vuole essere un punto di riferimento per mettere a fattor comune le best pratice del settore dal punto di vista tecnico/normativo e della sicurezza/certificazione delle infrastrutture, mantenendo gli associati costantemente aggiornati sull'evoluzione legislativa". Nell'immediato è disponibile il sito collettore www.appice.it, dove vi è la raccolta delle informazioni più importanti". Un'iniziativa assolutamente essenziale in un settore dove il progressivo controllo delle infrastrutture di diffusione  radio-tv in mano a due soggetti di grandi dimensioni rischia di determinare pericolosissimi rischi di concentrazione (E.G. per NL)
07/12/2016 07:46
 
NOTIZIE CORRELATE
Cellnex si mostra sempre più interessata ad investire nel mercato italiano che, già oggi, rappresenta una fetta significativa delle sue entrate.
Il futuro, anche nel towering, è nei superplayer che possono godere di economie di scala in prospettiva di un rapido mutamento dello scenario tecnologico, che esige una presenza in Italia di infrastrutture nell'ordine di qualche decina di migliaia di torri ospitanti impianti low power.
Il Consiglio di Amministrazione di EI Towers S.p.A. ha approvato il Resoconto intermedio di gestione del primo  trimestre 2016, che dichiara essere "in linea con la guidance comunicata al mercato e con i piani aziendali".
Dovrebbe essere ufficiale entro la prima settimana di maggio la scelta del compratore per il 45% di Inwit fra Cellnex e Ei Towers (nell'orbita del Biscione); tuttavia, i recenti accordi fra Mediaset e Vivendi e la crescita di quest’ultima in Telecom potrebbero influenzare fortemente la decisione.
Interessante decisione di merito del TAR Veneto su un ricorso presentato da un operatore di telecomunicazioni a riguardo di un provvedimento comunale di diniego di un’istanza ai sensi dell’art. 87 del D. Lgs. 259/2003, per la realizzazione di un impianto radio base per reti di comunicazione elettronica su un terreno incolto classificato dal piano regolatore come “area ad urbanizzazione consolidata” in cui l’edificazione era subordinata alla redazione di un piano attuativo.