Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Turchia. A Bandirma freddato il direttore del giornale locale
Si chiamava Cihan Hayirsevener, era il direttore del quotidiano locale di una piccola città affacciata sul mar di Marmara, a poche centinaia di chilometri dal caos di Istanbul.
È stato ucciso pochi giorni fa, il 19 dicembre, da un vigliacco che gli ha sparato alcuni colpi di pistola, recidendogli l’arteria femorale, e poi è fuggito a bordo di un’auto. Cihan Hayirsevener è morto, si mormora, perché da due anni scriveva di corruzione, di appalti truccati e già aveva ricevuto numerose minacce. Ma la sorveglianza, quella no. Ed allora pochi giorni fa, in pieno giorno, in mezzo alla strada, il suo aggressore è andato a prenderlo, gli ha scaricato addosso la sua arma e l’ha zittito per sempre. Casi come questi, in Turchia, purtroppo, ne accadono troppo spesso. Le ragioni sono ogni volta diverse, data la complessità politico-religiosa del Paese. E chi fa il mestiere del giornalista, come ha sostenuto Zafer Atay in Turchia, di rischi ne corre tanto. L’omicidio di Hayisevener è stato paragonato a quello di Hrant Dink, che due anni fa aveva sconvolto il paese. Dink era stato freddato apparentemente da un pazzo ultranazionalista ad Istanbul per aver “offeso” la popolazione turca e la sua tradizione. Di origine armena, Dink era sempre stato tra coloro che tentavano di intavolare un dialogo tra il governo di Ankara e la minoranza armena, per arrivare al riconoscimento del genocidio commesso dal neonato Stato turco ai danni della consistente minoranza di armeni che s’erano trovati intrappolati nei confini tracciati dai trattati post-primo conflitto mondiale. Il giovanissimo assassino di Dink veniva da Trabzon, a due passi dall’attuale confine con l’Armenia e si dice frequentasse gli ambienti ultranazionalisti, così fecondi in quella terra. Solo dopo sul caso è venuto a gravare il peso delle indagini su Ergenekon, la cosiddetta gladio turca. Ma tuttora il caso non è chiarito. (G.M. per NL)
27/12/2009 10:30
 
NOTIZIE CORRELATE
Critiche dal governo turco dopo le dichiarazioni del presidente del consiglio Matteo Renzi in merito alla libertà di stampa in Turchia, rilasciate durante la trasmissione 'Le invasioni barbariche' del 14 gennaio.
L’autorità governativa turca Rtuk, per il controllo di radio e televisione, ha revocato la licenza per le trasmissioni all’emittente televisiva Kanalturk Tv, voce apertamente critica nei confronti del governo.
La crisi dell'editoria mondiale non risparmia i giornali turchi. Secondo un recente rapporto pubblicato da Today's Zaman, nell'ultimo anno le vendite dei maggiori quotidiani del Paese sono calate in modo costante malgrado le numerose campagne promozionali condotte per contrastare il fenomeno.