Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv 2000, Boffo, "scosso per trattamento ingiusto subito pubblicamente", si oppone al licenziamento
Gli avvocati Disertori e Podda dello studio legale Grande Stevens sono stati incaricati dall'ex direttore di Tv 2000 Dino Boffo di promuovere un'azione giudiziaria contro il suo licenziamento.
In una nota i legali dichiarano di aver dato corso ad "ogni più opportuna iniziativa a tutela dei diritti e dell'immagine dell'ormai ex direttore di TV 2000, il cui rapporto di lavoro è stato, come noto, brutalmente risolto con inaspettato provvedimento unilaterale dell'editore Rete blu spa il 14 febbraio. Siamo convinti che le forme e le modalità con le quali l'Editore ha comunicato al dottor Boffo tale provvedimento nonché le gravi conseguenze pregiudizievoli da ciò arrecate alla persona e all'immagine professionale del direttore, rivelino il carattere ingiurioso del licenziamento intimato al nostro assistito che, scosso per aver subito, anche pubblicamente (si considerino le notizie apparse sulla stampa e le copiose reazioni di colleghi e spettatori), un così immotivato, repentino e ingiusto trattamento, è fermamente determinato a contestarlo al fine di tutelare in ogni competente sede la propria integrità personale nel senso più ampio, la propria reputazione ed il proprio decoro professionale, costruiti in decenni di limpida attività costantemente concordata e verificata con l'editore". (R.R. per NL)
 
25/02/2014 18:21
 
NOTIZIE CORRELATE
Con lo sbarco di Netflix in Italia, la corsa per lo streaming entra nel vivo: si diramano e differenziano le modalità di visione, si moltiplica esponenzialmente l’offerta, si evolve addirittura la narrazione di quel che viene proposto sullo schermo, sia il grande pannello di salotto o il display dell’ultimo modello di smartphone.
Pubblicità in crescita per il programma sul logical channel number 28 del DTT, di proprietà della Conferenza Episcopale Italiana (Cei): con l’obiettivo dei 3 mln di euro, si punta ad abbattere il falso mito della “tv religiosa noiosa e soporifera”.
“Dobbiamo cercare di fare una tv che nel suo guardare il mondo con gli occhi di chi crede, lo racconti in modo che anche chi non crede possa trovare interessante” ha affermato il neodirettore editoriale Paolo Ruffini.
Dino Boffo è stato rimosso dal suo incarico (iniziato il 18 ottobre 2010) alla direzione di Tv2000, il network televisivo di proprietà dalla Conferenza Episcopale Italiana.
Nell'anno dell'elezione del Papa “arrivato dalla fine del mondo”, l'atmosfera di rinnovamento che attraversa il mondo del cattolicesimo sta interessando anche il settore dei media di ispirazione religiosa.