Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Al via il nuovo sistema TgCom24: integrerà tv, web e radio

Novità in casa TgCom24, che compie 15 anni e rinnova il proprio palinsesto con un sistema che andrà ad integrare televisione, portale internet, applicazioni per smartphone e offerta radiofonica.
TgCom24 dà il via al nuovo sistema, che andrà ad integrare i canali Tv, il sito web, le app per mobile e la radio. Inaugurata la nuova veste del sito internet, con un modello responsive in grado di adattarsi automaticamente allo schermo di ogni dispositivo connesso (pc, smartphone e tablet). Il portale web è il terzo in Italia nel settore dell’informazione (subito dopo Repubblica.it e Corriere.it), potendo vantare 10 milioni di raccolta pubblicitaria annui e 1,2 milioni di utenti unici giornalieri. La versione mobile raggiunge oltre 600mila persone e l’applicazione conta più di 5 milioni di download. Il mezzo televisivo, con i due canali 51 e 111 del digitale terrestre, andrà ad implementare il programma di approfondimento sulla giustizia “Il Giallo della Settimana”: con Remo Croci alla conduzione e Raffaele Sollecito come opinionista, si tratta di uno spin-off del già avviato Quarto Grado. A trattare temi di attualità sarà invece “Italiani brava gente”, prodotto che nasce dalla trasmissione “Dalla vostra parte”, che vedrà la conduzione di Marcello Vinonuovo. Il servizio all-news è ben presente anche sulla radio, dove raggiunge 11 milioni di utenti grazie alle frequenze di 15 emittenti (tra cui Radio Kiss Kiss, in portafoglio a Mediamond e R101, Radio 105 e Virgin Radio, controllate o partecipate da Mediaset). Il nuovo modello adeguerà il prodotto complessivo alle esigenze di un mondo sempre più digitale ed interattivo; lo spiega chiaramente Paolo Liguori, direttore di TgCom24 da ottobre 2015: “Una trasmissione non si esaurisce quando finisce la puntata ma, grazie a questo sistema integrato, continua a vivere online”. Al vaglio dei tecnici anche un progetto che permetterà alla testata di sbarcare su Snapchat, social network nel quale i contenuti condivisi si autodistruggono una volta visualizzati dall’utente. Lo share nel giorno medio del canale Tv è a quota 0,40%, ma arriva a toccare lo 0,55% nel caso di particolari eventi di attualità come per gli attentati di Bruxelles (G.C. per NL)
06/04/2016 10:48
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).
Andrà a Mediaset il canale 20, fino ad oggi in mano a Retecapri e che, come già segnalato nelle scorse settimane su questo periodico, era prossimo ad una vendita verso non meglio identificati acquirenti.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.