Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Audigate, Agcom avvia l’istruttoria

Dopo lo scandalo Auditel è finalmente intervenuta l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni: in una nota del 16 ottobre si legge che “la Commissione, nella riunione odierna, ha deciso di procedere nell'attività istruttoria già avviata con la comunicazione inviata ad Auditel lo scorso 9 ottobre, al fine di valutare le iniziative che la stessa società di rilevazione intende assumere al riguardo.”
L'istruttoria durerà due settimane, esattamente lo stesso lasso di tempo che Auditel ha ufficializzato come periodo necessario per trovare una valida (e soprattutto concreta) soluzione al problema panel. La Commissione per i servizi e i prodotti dell’Agcom, si legge ancora nella nota, “sentito il Consiglio, nell’esercizio delle funzioni di vigilanza sulla correttezza delle indagini sugli indici di ascolto che la legge le conferisce, ha acquisito le informazioni relative ai recenti avvenimenti che hanno determinato la sospensione temporanea della pubblicazione dei dati Auditel”. La tempestività dell’intervento dell’Authority era auspicata da più fronti (prima fra tutti l’Auditel) considerando che Agcom, fra le altre prerogarative, è chiamata a garantire e difendere i principi legislativi enunciati dall'articolo 4 del D.Lgs. n. 259/2003, riguardanti la comunicazione attraverso Internet. In particolare, l'Autorità ha il dovere di garantire la libertà di comunicazione, la segretezza delle comunicazioni anche attraverso il mantenimento dell’integrità e della sicurezza delle reti di comunicazione elettronica, la libertà d’iniziativa economica e suo esercizio in regime di concorrenza, sanzionando eventuali posizioni di monopolio: l'Autorità, quindi, ha anche competenze in materia tariffaria, di qualità e di controllo degli operatori del mercato. (S.F. per NL)
19/10/2015 16:09
 
NOTIZIE CORRELATE
Agcom diffida Wind e Tre (recentemente fusesi in un’unica società) dal consentire agli utenti l’utilizzo di due servizi streaming di proprietà senza consumare il traffico dati previsto dal piano di abbonamento.
Ai fini del versamento del contributo dovuto all’Autorità per l’anno 2017 attraverso la delibera in titolo adottati i seguenti documenti, che costituiscono parte integrante e sostanziale della delibera in parola: a) modello telematico “Contributo SCM – anno 2017”, di cui all’art. 4, comma 1, della delibera n. 463/16/CONS (allegato A alla delibera in oggetto); b) “Istruzioni per il versamento del contributo dovuto all’Autorità per l’anno 2017 dai soggetti che operano nel settore delle comunicazioni elettroniche e dei servizi media” (allegato B alla delibera in oggetto).
“L’operazione condotta dalle Unità speciali della Guardia di Finanza che ha portato all’oscuramento di 41 siti web che consentivano la visione illecita di film e eventi sportivi in violazione del diritto d’autore, rappresenta un importante colpo inferto alla pirateria on line”.
Attraverso il provvedimento in titolo l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha fissato le misure della contribuzione dovute per l’anno 2017 dai soggetti operanti nei settori delle comunicazioni elettroniche e dei servizi di media, nonché le modalità di versamento e il modello telematico per la dichiarazione dei dati (che sarà pubblicato con successivo provvedimento).
L'Agcom ha dato conto delle modifiche apportate alla delibera n. 666/08/CONS a seguito dell’entrata in vigore della legge 232/2016.