Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv: battibecco tra FRT e Paolo Romani su contributi tv locali, canali 61-69 UHF e beauty contest. Ma la credibilità sta a zero
"Fino ad ora non era mai successo ma ora purtroppo è una triste realtà. Il Dipartimento alle comunicazioni del Ministero dello sviluppo economico ha esaurito i fondi relativi all'anno 2009 che la legge 448/98 destina alle emittenti televisive locali che fanno informazione".
Inizia così il comunicato stampa di FRT dei giorni scorsi con il quale l'ente denuncia che "più di 200 tv locali ad oltre un anno e cinque mesi dalla presentazione delle domanda per usufruire del beneficio, non potranno ricevere neanche nell'anno in corso le somme cui hanno diritto per legge. Somme, che, in molti casi, sono necessarie per la loro sopravvivenza". Secondo la federazione, che (insieme ad Aeranti-Corallo) deve giustificare ai propri associati locali i disastrosi effetti dell'improvvida alleanza con DGTVI, "Ciò è potuto accadere anche perchè il Ministro dello sviluppo economico Paolo Romani, nonostante le ripetute sollecitazioni dell'Associazione Tv Locali della FRT, non è intervenuto, o lo ha fatto con colpevole ritardo, per evitare il verificarsi di tale incresciosa circostanza dimostrando ancora una volta il suo totale disinteresse per le problematiche dell'emittenza locale". Prendendo (formalmente) le distanze da un ministro che ha sempre considerato "vicino" alle esigenze delle tv locali (per via del suo passato da editore) l'Associazione Tv Locali della FRT "denuncia con forza questa insostenibile situazione che potrebbe portare al definitivo tracollo del comparto già messo a dura prova proprio dall'azione del Governo che si sta concretizzando in questi giorni con l'imminente approvazione in Senato della Legge di Stabilità 2011 che ha previsto la sottrazione alle tv locali di ben nove frequenze (canali 61-69) da destinare alla telefonia mobile. Questo proprio nel momento in cui lo stesso Governo si appresta ad assegnare gratuitamente ad alcune reti nazionali alcune frequenze coordinate del c.d. dividendo interno". Difesa tardiva ed invero poco convincente, visto che non si comprende come mai, nonostante fosse noto (dal 2006) che questi canali sarebbero finiti al potenziamento dell'internet wireless, FRT non ne ha contrastato l'assegnazione alle sole tv locali (con l'eccezione della "sfortunata" Europa 7). A sole poche ore dal comunicato di FRT è giunta la reazione dell'evidentemente attento Paolo Romani: ''Non risponde al vero quanto dichiarato dall'associazione tv locali FRT, secondo cui il Dipartimento Comunicazioni del MSE avrebbe esaurito i fondi relativi all'anno 2009 della legge 448/98 da destinare alle emittenti locali che fanno informazione. Proprio mercoledi' scorso, 1 dicembre, il ministro dell'Economia, su mia richiesta, ha disposto un'integrazione di cassa pari a 33.344.175,23 euro a valere sul capitolo 2131/1 - Contributi a favore delle concessioni per la radiodiffusione televisiva in ambito locale, legge finanziaria 448/98. Le procedure per l'erogazione di tali fondi sono gia' in corso presso i competenti uffici del Dipartimento delle Comunicazioni''. Sarà, ma, come possono testimoniare le email che giungono a questo periodico, gli editori tv locali non credono ormai più a nessuno. (S.C. per NL)
09/12/2010 08:02
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.