Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Berlusconi colloca azioni Mediaset pari al 7,8%. A ruba in poche ore tra Italia ed estero. Ma a Fininvest rimane "solo" 33,4%
 
Berlusconi vende Mediaset. Non tutta la società ma una bella fetta del capitale del gruppo televisivo, il 7,79%, viene messa sul mercato e ceduta in poche ore a investitori istituzionali italiani ed esteri.
E' un accelerated bookbuilding la procedura scelta da Fininvest per collocare i 92 milioni di azioni a un prezzo finale di 4,1 euro l'una con un incasso complessivo di 377,2 milioni. Prima dell'avvio dell'operazione e dell'annuncio, Mediaset ha chiuso la seduta a Piazza Affari a 4,26 euro (in rialzo dell'1,48 per cento) sui massimi da un anno. Quindi il prezzo finale dell'operazione curata da Merrill Lynch e Unicredit è stato fissato poco sotto quel livello, segno che i titoli sono andati a ruba. Fininvest passa così dall'attuale 41,28 al 33,4% del gruppo di Cologno Monzese. Manterrà quindi il potere di condizionare le assemblee straordinarie. Per dirla con le parole della società ''potrà continuare ad assicurare a Mediaset la stabilità di un azionariato di riferimento''. Nessun disimpegno quindi, a dispetto delle ricorrenti voci di vendita del gruppo. Ma un bell'alleggerimento sì. L'obiettivo della dismissione lo spiega in una nota la holding che fa capo al Cavaliere: ''La liquidità che si renderà disponibile con questa operazione consentirà tra l'altro a Fininvest di proseguire nel rafforzamento della struttura finanziaria e patrimoniale della società e di agevolare eventuali investimenti in un'ottica di diversificazione del portafoglio azionario''. E c'è chi scommette che le nuove risorse verranno investite nella partita della pay tv Premium, destinata, secondo ipotesi peraltro smentite, a nozze con Sky. Oltre alle partecipazioni storiche in Mondadori (50%), Mediolanum (30%), Milan e Teatro Manzoni (entrambi controllati al 100%) la società di via Paleocapa è presente con poco meno del 24% di Molmed e col 2% in Mediobanca. Ora par di capire che, accanto a nuove cessioni (in ballo c'è la vendita del 20% di Mediolanum imposta da Bankitalia), la società guidata da Marina Berlusconi potrebbe anche pensare a fare shopping. Al momento tuttavia non avrebbe dossier aperti. Il bookbuilding fa il paio con un analoga operazione realizzata a dicembre 2013 di una quota di Mediolanum. L'operazione aveva fatto bene alla casse di Fininvest: a fine di quell'anno (al quale risale l'ultimo bilancio disponibile) la posizione finanziaria netta era risultata positiva per 271 milioni. Bisogna invece tornare indietro di dieci anni per trovare un collocamento di azioni Mediaset: allora era stata ceduto il 16,7 per cento. Nel frattempo non c'è in vista alcuna uscita di Fedele Confalonieri. Il presidente di Mediaset ha bollato come ''sciocche fantasie'' le voci secondo le quali starebbe per lasciare gli incarichi. (ANSA)
13/02/2015 10:27
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).
Andrà a Mediaset il canale 20, fino ad oggi in mano a Retecapri e che, come già segnalato nelle scorse settimane su questo periodico, era prossimo ad una vendita verso non meglio identificati acquirenti.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.