Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Che succede alla rampante Discovery? Il ricambio continuo dei vertici è un inconveniente della crescita o c'è dell'altro?
 
C'è fermento all’interno del gruppo, che subirà l’uscita di un altro manager di spicco: Paolo Lorenzoni.
Già a fine gennaio se ne era andato Fabrizio Salini, vice presidente content & programming canali fiction e kids (che occupa ora la poltrona di amministratore delegato di Fox Channels Italy); poi, all’inizio di marzo, era stata la volta di Andrea Castellari, general manager del gruppo e presidente della concessionaria Discovery Media (che volerà ad aprile in Viacom come senior VP e general manager Italia, Medio Oriente e Turchia). Ora sta per dire addio al gruppo anche Paolo Lorenzoni, che da gennaio 2013 ricopriva l’incarico di VP Marketing&Digital. Lorenzoni, 35 anni, genovese di nascita ma internazionale di formazione - la carriera universitaria lo ha visto prima alla Sorbona di Parigi per una laurea in comunicazione e poi all’EHESS (École des hautes études en sciences sociales) - era entrato in Discovery dopo un anno come social media manager in Sky Italia. Nel suo ruolo, Lorenzoni aveva assunto la responsabilità dell’area Marketing e di settori strategici quali Social Media e Online, l’area On-Air e le Consumer PR: la scelta operata dal gruppo era tesa a creare un presidio forte e autorevole sull’area del marketing digitale, strategia che certamente rispondeva all’evoluzione del mercato e dei media. Le recenti dimissioni di Lorenzoni hanno spinto gli esperti e gli osservatori del mercato a un’attenta riflessione sulla situazione: se da un lato il turnover fisiologico denoterebbe il profilo di un’azienda in crescita (una fucina di talenti richiestissimi dal mercato e non facilmente trattenibili), dall’altro, l’abbandono di tre posizioni di vertice - nel giro di poche settimane - rappresenterebbe un campanello d’allarme da non sottovalutare. Va del resto sottolineato che la raccolta pubblicitaria del gruppo non è decollata e anche gli ascolti sono complessivamente fermi: in gennaio il canale Giallo è a quota 0,73% di share nelle 24 ore (in calo rispetto allo 0,86% del 2013) e anche Frisbee arretra allo 0,29% rispetto allo 0,33% dell’anno precedente. K2 e Focus incassano invece ottimi risultati, paragonati al 2013; buoni anche gli ascolti del canale di punta di Discovery, ovvero Real Time, che mantiene audience stabili (1,41%, rispetto all’1,47% del 2013) e di Dmax che sale all’1,35%, rispetto al precedente 1,20%. A fronte della continua e serrata competizione dei nuovi canali del digitale terrestre (fino a un paio di anni fa c’erano solo 2 o 3 emittenti che si attestavano attorno all’1% di share, ora ce ne sono una decina a sfidarsi su quel terreno), sarà interessante seguire le vicende del gruppo capitanato dell’amministratore delegato Marinella Soldi e verificare se le uscite eccellenti e i segnali deboli del mercato potranno incrinare le aspettative, lo slancio e le ambizioni di Discovery Italia, che nel 2014 punterebbe a raggiungere quota 160 mln di euro di raccolta pubblicitaria. (V.R. per NL)
 
24/03/2014 16:01
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Tar del Lazio (sent. n. 03747/2017) ha confermato la sanzione di 200.000 euro comminata da AgCom a Sky Italia con un provvedimento risalente al 2008.
A+E television networks, emittente televisiva via cavo e satellitare statunitense, è un brand sicuramente ancor poco conosciuto in Italia.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sky Italia diventa il terzo polo della produzione e distribuzione cinematografica nazionale, ma le concorrenti storiche del mercato Rai con Rai Cinema e Mediaset con Medusa film non sembrano preoccuparsi eccessivamente.