Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
TV. Consumatori: stop a film vietati valga solo per reti in chiaro; eccessiva limitazione per tv a pagamento
Nel decreto legislativo che regola "l'esercizio delle attività televisive" è stato inserito il divieto, per tutte le emittenti, sia in chiaro che a pagamento, di film vietati ai minori tra le 7 e le 23.
Per l'associazione di consumatori Adoc si tratta di "una regola giusta per le tv in chiaro, eccessivamente penalizzante per quelle a pagamento". "Imporre un divieto di messa in onda, dalle 7 alle 23, per i film vietati ai minori è un intervento giusto se applicato alle sole emittenti che trasmettono in chiaro - dichiara Carlo Pileri, Presidente dell'Adoc - ma non può valere per quelle a pagamento, in quanto rappresenta una forte limitazione alla loro attività, visto che la maggior parte dei film d'autore e di qualità sono vietati ai minori di 14 e 18 anni. Restando in tema di divieti, chiediamo il blocco della messa in onda di qualsiasi pubblicità o trailer cinematografico che abbia contenuti a carattere volgare, horror e diseducativo, all'interno di programmi dedicati ai giovani, anche oltre gli orari previsti dalla fascia protetta, che dura dalle 7 alle 22.30. Ci sono giunte numerose segnalazioni da parte di utenti e genitori infuriati per la messa in onda, durante alcuni programmi serali destinati ad un pubblico prevalentemente minorenne, di un trailer di un film horror appena terminata la fascia protetta, con la trasmissione ancora in corso".
22/01/2010 07:54
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
In attesa che si concluda la vicenda Premium, Vivendi deve risolvere i problemi in casa. Canal+, in calo nelle sottoscrizioni (492mila in meno nel 2016), è in rosso di quasi 400 milioni di euro.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.