Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Crisi Crimea, picchiato il direttore della tv ucraina
Martedì scorso deputati del partito nazionalista ucraino insieme ad alcuni altri provocatori hanno fatto irruzione nella sede dell'azienda che gestisce la tv nazionale di stato ed hanno picchiato e costretto a firmare una lettera di dimissioni il direttore del primo canale di Ntu (Natsionalna Telekompanya Ukraïny).
Oleksandr Panteleymonov, il drettore, sarebbe stato colpevole di aver trasmesso in diretta il discorso di Vladimir Putin sull’annessione della Crimea alla Federazione Russa. (R.R. per NL)
 
21/03/2014 09:01
 
NOTIZIE CORRELATE
Nuovi guai per il più importante motore di ricerca sul web, Google. Dopo i procedimenti avviati in Europa ed India, segue ora quello della Russia.
Alcune tra le più importanti case editrici tedesche (chiamando a raccolta anche imprese svedesi, danesi e italiane) hanno chiesto al presidente russo Vladimir Putin di rinviare di un anno il divieto per gli stranieri, di possedere più del 20 per cento della proprietà di media russi.
Mosca e’ irritata dall’ipotesi di creare nella Ue un canale di contro propaganda in russo, capace di trasmettere anche nelle repubbliche ex sovietiche legate a Bruxelles dalla partnership orientale (Ucraina, Georgia, Moldova, Bielorussia, Armenia e Azerbaigian).
La Russia ha battezzato la nuova operazione mediatica che opererà via radio e online, mirata a combattere la propaganda occidentale. L’obiettivo per il 2015 sarà trasmettere in 30 lingue da 34 paesi, con 800 ore di programmi giornalieri.
Stop ai programmi della CNN in Russia: entro la fine dell'anno la Turner Broadcasting System Europe Limited sospenderà le trasmissioni in onda dal 1993.