Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Crisi Ucraina: interrotta la ricezione di alcuni canali televisivi russi
Il consiglio nazionale sulla televisione e radiodiffusione dell'Ucraina nel pomeriggio di oggi ha ordinato ai provider di interrompere il segnale di cinque canali televisivi russi.
Le tv russe dovrebbero essere state oscurate entro le 18,00. L'ufficio stampa del consiglio nazionale ha reso noto che i canali interessati sono: Rossiya 1, Rossiya 24, ORT Pervy Kanal, RTR Planeta e NTV-Mir. L'organo di sorveglianza ucraino spiega questa decisione con la necessità di garantire la sicurezza delle informazioni sull'Ucraina. In precedenza in Crimea erano stati bloccati tutti i canali della tv ucraina. (R.R. per NL)
 
11/03/2014 21:55
 
NOTIZIE CORRELATE
Nuovi guai per il più importante motore di ricerca sul web, Google. Dopo i procedimenti avviati in Europa ed India, segue ora quello della Russia.
Alcune tra le più importanti case editrici tedesche (chiamando a raccolta anche imprese svedesi, danesi e italiane) hanno chiesto al presidente russo Vladimir Putin di rinviare di un anno il divieto per gli stranieri, di possedere più del 20 per cento della proprietà di media russi.
Mosca e’ irritata dall’ipotesi di creare nella Ue un canale di contro propaganda in russo, capace di trasmettere anche nelle repubbliche ex sovietiche legate a Bruxelles dalla partnership orientale (Ucraina, Georgia, Moldova, Bielorussia, Armenia e Azerbaigian).
La Russia ha battezzato la nuova operazione mediatica che opererà via radio e online, mirata a combattere la propaganda occidentale. L’obiettivo per il 2015 sarà trasmettere in 30 lingue da 34 paesi, con 800 ore di programmi giornalieri.
Stop ai programmi della CNN in Russia: entro la fine dell'anno la Turner Broadcasting System Europe Limited sospenderà le trasmissioni in onda dal 1993.