Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv digitale: con la banda larga mobile anche il Tablet Pc diventa una tv
Non basta più stare comodamente sul divano e rivolgere lo sguardo verso la tv. Gli occhi cercano l’interazione con più mondi: la tv e il web, per godere contemporaneamente musica, video e comunicare con gli amici della rete.
Una sorta di relax condiviso. L’intimità del nostro soggiorno soffre forse di solitudine. Con il tablet possiamo “toccare” la tv con un dito. La tavoletta diventa il “second screen” attraverso il quale lo spettatore da passivo diviene attivo: interagisce e commenta i programmi in rete. L’offerta di successo è lanciata dalla BBC in febbraio: l’applicazione iPlayer per iPad e Android permette la visione di programmi sullo schermo mobile, ora aumentata del 22%. Il tablet gode di un’alta risoluzione, una maggiore durata delle batterie e della banda larga: virtù che rendono il videostreaming di qualità. È così che attraverso le applicazioni (BBC docet), le connessioni 3G e il wi-fi o Adsl di casa, è possibile portare la “nuova tv” in ogni angolo di casa, e non solo. La nuova frontiera è Tizi: il primo ricevitore portatile hot spot per iPad e iPhone che permette di vedere la tv digitale. Cambia quindi la concezione di visione, ora interattiva e arricchita dalla socializzazione. La prova è il Tablet Remote Control: un touch screen che funge da telecomando per la tv, per accedere ai video e per connettersi a Facebook e agli altri social network. Guardare un film, un reality show o un qualsivoglia programma televisivo è un momento collettivo: gli spettatori sono online e commentano ciò che vedono. Non solo condividere, ma anche partecipare: il telespettatore è coinvolto e con estrema facilità entra nel mondo televisivo, votando, commentando e scrivendo. Il coinvolgimento istantaneo stuzzica l’istinto di protagonismo e il tentativo di poter per una volta rompere lo schermo ed entrare nella tv. Con il tablet infatti gestiamo autonomamente la visione, la condividiamo al punto di poterla giudicare, plasmare ed arricchire. La rete elimina ogni filtro: basta sfiorare lo schermo e la curiosità è messa subito a tacere dalla soluzione immediata. E quel che il web toglie alla tv (i canali UHF 61-69 per il potenziamento della banda larga mobile), alla tv restituisce. (C.S. per NL)
19/04/2011 16:14
 
NOTIZIE CORRELATE
In arrivo il 5G anche in Italia dopo una lunga attesa. All’evento “Quale 5G? Il Parlamento Europeo e una roadmap nazionale” si è fatto il punto sui passi avanti dell'Italia nel passaggio alla nuova tecnologia: “abbiamo scelto di sentire gli operatori tlc e altri stakeholder per capire quale tipo di 5G vogliamo costruire, in base al tipo di servizi che saranno sviluppati – ha sottolineato il senatore Pd Sergio Boccadutri presente al meeting – mobilità, salute, telemedicina, realtà virtuale, energia e gamification sono solo alcuni esempi dei nuovi servizi che saranno sviluppati con il 5G”.
Il fenomeno del “digital divide” (divario esistente tra chi ha accesso alle tecnologie dell’informazione e chi invece ne è escluso, in parte o del tutto) è stato notevolmente ridotto, ma preoccupante è la questione riguardante i ritardi cronici in termini di realizzazione delle infrastrutture necessarie per le comunicazioni a banda larga nelle zone a fallimento di mercato a causa di procedimenti di rilascio dei permessi da parte degli enti amministrativi troppo lunghi.
Consiglio e Parlamento, nel corso del 'trilogo' con la Commissione europea, hanno raggiunto un accordo politico sull'uso delle frequenze di 700 Mhz per i servizi mobili che sara' disponibile per la banda larga facilitando l'introduzione dei dispositivi 5G entro il 2020.
Certificazioni dei protocolli e percorso comune. Trovare la strada per stare insieme il più possibile, sia per i progetti di standardizzazione, ma anche per le certificazioni dei protocolli.
Dopo la firma degli accordi di programma e delle convenzioni operative tra il Mise e le Regioni interessate è stato pubblicato da Infratel Italia Spa il bando di gara per la costruzione e gestione di infrastrutture passive per la banda ultralarga nelle aree bianche delle regioni Piemonte, Valle D’Aosta, Liguria, Friuli Venezia Giulia, Umbria, Marche, Lazio, Campania, Basilicata, Sicilia e della Provincia autonoma di Trento.