Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv digitale: dopo RAI 5 e RAI 6, arriverà RAI 7. E non solo...
Il piano di ristrutturazione dell’azienda televisiva pubblica Rai-Radiotelevisione italiana prevede anche la creazione di RAI 6 e RAI 7 (ancora in fase di gestazione).
Al momento la concessionaria pubblica, dopo la migrazione numerica in molte regioni italiane, trasmette via terrestre, sul satellite e sul web i seguenti diciotto canali tv: RAI 1, RAI 2, RAI 3, RAI 4 (film e telefilm per i giovani), RAI 5 (intrattenimento di ieri e di oggi), RAI 6 (film di culto, migliori fiction), RAI News (informazione e approfondimento 24 ore), RAI Gulp (per ragazzi dagli 8 ai 14 anni), RAI YoYo (per bambini in età prescolare), RAI Storia (storia passata e presente), RAI Sport 1 (sport), RAI Sport 2 (sport minori), RAI Movie (cinema), RAI HD (principali programmi in alta definizione), RAI International (per gli italiani all’estero), RAI Scuola (educazione e convivenza civile), RAI Extra (intrattenimento con le varie produzioni dedicate e riproduzioni di vecchi show del passato), RAI Med (per i paesi del Mediterraneo). Esculsivamente sul web saranno trasmessi anche questi altri 10 canali: RAI Kids (film e serie tv per bambini), RAI Tween (film e serie tv per ragazzi), RAI Music (musica e grandi eventi), RAI Fiction (migliori fiction), RAI Science & Technology (scienza e tecnlogia), RAI Viaggi e Paesi (cultura e documentari), RAI Celebrità (news e gossip), RAI Primo Piano (notizie), RAI Comici (show) e RAI Cucina (gastronomia). (R.R. per NL)
 
 
04/11/2010 18:06
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.