Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Diretta “Raiperunanotte” nella sala Tobagi della FNSI, giovedì 25 ore 20,30
A seguito di molte richieste giovedì 25 marzo dalle ore 20,30 la FNSI, in collaborazione con l’Associazione Stampa Romana, mette a disposizione la sala Tobagi ed i suoi impianti tecnologici per assistere alla diretta della manifestazione-trasmissione “Raiperunanotte”.
"Come saprete l’evento, promosso dalla Fnsi e dall’Usigrai, sarà trasmesso da molte emittenti e da moltissimi siti web in diretta dal Paladozza di Bologna con Michele Santoro ed altri conduttori televisivi a cui è stato negato, da una sciagurata decisione del cda Rai, di trasmettere i loro talk-show nel periodo elettorale", spiega in un comunicato la federazione. "Chi volesse partecipare alla serata è pregato di inviare una email entro giovedì mattina alle 12 ai seguenti indirizzi: segreteria.fnsi@fnsi.it, renzo.santelli@fnsi.it Vi ricordiamo che la sala può contenere solo 130 persone e per motivi di sicurezza non si possono accettare presenze ulteriori. Le colleghe e i colleghi che sfortunatamente avranno superato tale limite saranno avvisati via email", chiude la nota della FNSI. 
24/03/2010 20:07
 
NOTIZIE CORRELATE
Si  è   interrotto   oggi   il   confronto  tra   la Federazione   nazionale  della   stampa  italiana   – chiamata   ad assistere il Cdr di Sky Tg 24 – e Sky Italia al tavolo delle trattativa per il trasferimento di 99 giornalisti del   Tg   da   Roma   a   Milano. 
I giornalisti del dipartimento emittenza locale della Fnsi sono preoccupati per il ritardo con cui il governo sta procedendo ad emanare i decreti attuativi della riforma dell’editoria. «Il ministero sblocchi i contributi 2015, il cui mancato riconoscimento mette a rischio l’occupazione in numerose aziende», chiedono.
Pollice verso per Michele Santoro da parte del Tribunale di Milano che respinge l’appello del giornalista contro la condanna risalente al 29 maggio 2015 e che lo obbligava a risarcire per 30mila euro complessivi Mediaset per diffamazione.
Dallo scorso 18 giugno, data che coincide con la chiusura del programma “Servizio Pubblico” (uno dei talk show politici più seguiti degli ultimi anni), e che decretò la fine dei rapporti tra Michele Santoro (foto) e La7, è trascorso ormai molto tempo.
Il Segretario Generale della Federazione Nazionale della Stampa Italiana e membro del Comitato direttivo del Sindacato mondiale di categoria (Ifj), Franco Siddi, in un incontro con il Segretario dell'Usigrai, Vittorio Di Trapani, ha ribadito l'impegno della Fnsi e del Sindacato internazionale dei giornalisti (Ifj) per la difesa e il rilancio del servizio pubblico radiotelevisivo.