Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Discovery: 200 mln dalla pubblicità nel 2016. In arrivo Crozza su Nove

Discovery chiude il 2016 con una raccolta pubblicitaria pari a 200 milioni di euro, in crescita del 14% circa rispetto all’anno precedente.
I buoni indici di ascolto (a novembre la media share nelle 24 ore è stata del 6,69%) sono il risultato di un’efficace gestione delle reti di punta del gruppo (Real Time, Nove, Dmax e Focus) che mira nei prossimi mesi ad aprire nuovi percorsi di sviluppo. Nel 2017 si proverà a lavorare sui centri media per ottimizzare gli introiti pubblicitari poiché l’indice “power ratio” non si smuove ancora dal punto percentuale, ben lontano dall’1,8% di Mediaset. Intanto Nove, il canale DTT lanciato da Marinella Soldi nell’ottobre del 2016, punterà su un nuovo show di Maurizio Crozza (dovrebbe iniziare in primavera) per lanciare la sfida in prima serata a Rai, Mediaset e La7, rete da cui proviene il comico genovese. In attesa che vengano venduti i diritti in chiaro per le Olimpiadi acquistati dall’azienda statunitense nei mesi scorsi, Discovery si prepara a partecipare alle aste per i diritti tv del campionato italiano di calcio e della Champions League del prossimo triennio. (M.R. per NL)

10/01/2017 13:38
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
Da ieri Discovery ha un nuovo organigramma. Marinella Soldi, che rimane president and managing Sud Europa (Italia, Spagna, Portogallo e Francia), sarà supportata nel mercato italiano dal general manager Alessandro Araimo, precedentemente chief operating officer di tutta l’area South Europe.
L’ossessione di chi fa marketing nell’era 2.0 è il customer journey: le aziende osservano il comportamento degli utenti per individuare i momenti migliori in cui intercettare la loro attenzione e presentare il proprio messaggio.
Nove Hd, la versione ad alta definizione del canale DTT di proprietà di Discovery Italia (ovviamente su LCN 9), dal 1° marzo sarà anche sulla piattaforma di Tivùsat, la tv satellitare che permette di vedere gratuitamente la programmazione del digitale terrestre.