Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv e crisi economica, Nomura: giudizio underperform su Mediaset
Mediaset ritraccia dell'1,25% a quota 1,425 euro a Piazza Affari, mentre secondo alcune indiscrezioni il titolo potrebbe uscire da uno degli indici europei di Morgan Stanley.
E' invece di impatto neutrale la notizia che l'autorità per le comunicazioni intende chiedere al governo più tempo per redigere il disciplinare di gara per la vendita delle frequenze tv. Una necessità che deriva dal fatto che la nuova Agcom si è appena insediata, sotto la guida del neopresidente Angelo Marcello Cardani. I 120 giorni di tempo fissati dallo stesso ministero dello Sviluppo per riformulare l'intero sistema di assegnazione sono quasi scaduti ed è quindi evidente che servirà una proroga: l'asta per le frequenze tv potrebbe slittare di 2 o 3 mesi oltre il termine prefissato del 28 agosto. L'Agcom deve d'altra parte approvare un regolamento di gara e consultare l'Unione Europea. Questi ostacoli, oltre alla difficile situazione del settore TV, rischiano di limitare gli introiti per lo Stato. La notizia per gli analisti di Intermonte è neutrale per Mediaset, negativa per Telecom Italia Media (+0,13% a 0,149 euro in borsa) in quanto l'eventuale dismissione della società rischia di essere ritardata dalla scarsa chiarezza del quadro normativo e dai ritardi nell'assegnazione delle frequenze.  Lo scenario critico del settore media spinge la sim a mantenere il giudizio underperform su Mediaset. Nomura, in un report di oggi sul comparto media europeo, ha confermato reduce, anche sulla controllata Mediaset Espana dal momento che ha stimato un calo di oltre il 10% della raccolta pubblicitaria quest'anno e con le misure di austerity un altrettanto calo significativo nel 2013. Nomura consiglia ProSieben (buy) tra i broadcaster tedeschi in quanto beneficia della sua esposizione ai mercati nordici, che crescono più rapidamente. Ha promosso ITV a buy con un target price a 115 pence e resta neutrale sulle francesi TF1/M6, nonostante le valutazioni economiche. "Le emittenti Tv hanno di fronte a loro un 2012 veramente difficile, influenzato dalle preoccupazioni macro. In questo contesto, riteniamo che in Europa il divario a livello di pubblicità tra nord e sud si sia intensificato", spiegano gli analisti della banca d'affari. "In Germania ProSieben rimane l'unica emittente per la quale si prevede una crescita positiva quest'anno del +0,5%, mentre, all'estremità opposta c'è Mediaset che in Italia dovrebbe registrare quest'anno un calo del 12%". (Milano Finanza)
 
 
 
 
20/08/2012 07:24
 
NOTIZIE CORRELATE
Agcom diffida Wind e Tre (recentemente fusesi in un’unica società) dal consentire agli utenti l’utilizzo di due servizi streaming di proprietà senza consumare il traffico dati previsto dal piano di abbonamento.
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.