Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv e crisi. Paolini (Mediaset): 2012 pessimo per pubblicità
Mediaset è pessimista sulle prospettive del mercato pubbilicitario di quest'anno ma anche su quelle del 2013 e teme, parallelamente, che a switch-off non ancora concluso il digitale terrestre sia già una tecnologia sul punto di essere superata.
"Ci aspettiamo che il mercato pubblicitario sia pessimo nel 2012 e, se va bene, sarà uguale nel 2013", ha detto il direttore marketing strategico del gruppo, Marco Paolini, nel corso di un convegno sulla situazione del sistema televisivo, ormai vicino alla piena digitalizzazione. La crisi economica in corso, che ha ridotto drasticamente gli investimenti pubblicitari, unita al frazionamento dell'audience indotta dal digitale, che ha ulteriormente ridimensionato i ricavi per singolo canale, ha generato - secondo il manager - "un rapporto non più corretto tra quello che si spende e quello che si ricava" e si dovrà quindi trovare un nuovo modo di pensare i contenuti. Anche la teoria per cui i canali tematici "ben profilati" siano particolarmente attraenti per chi investe in pubblicità "si è rivelata falsa": "Purtroppo in questo mercato i canali tematici sono comprati esattamente come quelli generalisti", ha detto Paolini. Unendosi quindi ai timori espressi anche da alcuni esponenti delle televisioni locali, il dirigente di Mediaset è convinto che "l'attuale mole degli investimenti in pubblicità non regga più il numero di canali esistenti". "Non vorrei infine - ha concluso - che il digitale terrestre di cui parliamo non sia già una cosa preistorica: temo che il futuro sia piuttosto la connettività alla rete". Fra due o tre anni, ha spiegato, si stima che 7-8 milioni di televisori (parte degli apparecchi che vengono ogni anno sostituiti) saranno connessi alla rete. "Cinque anni fa Mediaset aveva paura dell'arrivo del gruppo Murdoch (Sky), oggi ha paura di Google, Apple, Facebook. Penso che i veri problemi nei prossimi tre anni verranno da questo". (Reuters)
 
19/05/2012 08:19
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.