Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
TV e internet: chiude (per ora) Faucet, il videoregistratore personale online. Ostruzionismo dei (miopi) grandi player tv o problemi economici alla base?
Si trattava di un servizio pressoché unico nel panorama della rete italiana: Faucet, un videoregistratore personale programmabile tramite il sito internet www.vcast.it, che permetteva di registrare un bouquet di canali televisivi digitali (perlopiù Rai, ma anche Cielo, Sportitalia e altri) in formati predisposti per i dispositivi mobili (ma anche in DivX).
L'interfaccia, essenziale ma efficace, consisteva in una pagina web con pochi e semplici menu a tendina per programmare le registrazioni: canale, giorno, ora, formato, eventuale ripetizione giornaliera o settimanale. Più facile di molti apparecchi casalinghi, con il vantaggio di poter registrare più canali contemporaneamente. Le registrazioni potevano in seguito essere scaricate oppure visionate direttamente in streaming, il tutto gratuitamente. Una piccola grande idea che aveva riscosso un notevole successo sul web: 200.000 utenti registrati, secondo i dati dello stesso staff di VCast. Eppure, Faucet è stato repentinamente soppresso all'inizio di agosto, inizialmente senza troppe spiegazioni. Una piccola rivolta si è subito sviluppata in rete, con utenti disperati, delusi o semplicemente dispiaciuti per aver perso la disponibilità di un servizio a cui non si trovano valide alternative. Dopo un breve periodo di silenzio, VCast è poi riapparso come sito-blog di informazione sui media, aprendo ai commenti e pubblicando alcuni articoli esplicativi sulle reali motivazioni della chiusura di Faucet. In sostanza par di capire che vi siano stati problemi legati a diverse interpretazioni della normativa sulla registrazione personale dei programmi TV. Interpretazioni che difatti avevano portato Mediaset a diffidare VCast dal mettere a disposizione la registrazione dei propri canali, e la Rai a esprimere dubbi sulla legittimità del servizio, pur tollerandolo. Al di là di ciò, la vera contingenza che sembra aver costretto alla chiusura è stata la lievitazione dei costi di gestione del sistema di registrazione, storage e streaming, che probabilmente soffriva anche di problemi di sottodimensionamento (almeno a giudicare dalle difficoltà e dai ritardi con cui venivano erogate le registrazioni in tempi recenti). Un recente post sembra però segnare un possibile ripensamento, con l'annuncio della riapertura del servizio a settembre, seppure con connotati leggermente diversi. Altri nel frattempo stanno cercando di capire se replicare l'esperienza di Faucet sia possibile, magari rendendo il servizio a pagamento. Paradossalmente, in questo settore sono proprio le grandi emittenti televisive a essere ben poco presenti: Rai e La7 permettono di rivedere i contenuti dell'ultima settimana in streaming, ma con diverse esclusioni, scarsa qualità e senza possibilità di download; Mediaset, dopo aver archiviato in fretta e furia l'esperimento RiVideo, mette a disposizione sul proprio sito pochissimi contenuti, anch'essi non scaricabili. Nessuno pare avere intenzione di prendere a esempio l'idea di Faucet di riproporre con modalità innovative il Video on Demand come si faceva una volta: registrando i programmi. Un'opportunità che evidentemente non interessa ai nostri broadcaster, sempre impegnati a difendere (invano) i propri copyright dalla libera circolazione dei contenuti. (E.D. per NL)
02/09/2011 06:22
 
NOTIZIE CORRELATE
In un articolo pubblicato sul Guardian di ieri, 12 marzo, Tim Berners-Lee (foto), inventore del world wide web e fondatore del World Wide Web Consortium (W3C), cerca di descrivere l’attuale punto di evoluzione del più diffuso mezzo di comunicazione al mondo ed elenca tre problematiche, a suo avviso pressanti, per il futuro che lo attende.
La centralità di internet è, nel mondo moderno, sempre più permeante e nelle zone caratterizzate dal fenomeno del digital divide, il disagio consiste nel non beneficiare di una connessione internet fissa, o di averne una troppo lenta che, inevitabilmente, va ad intaccare il lavoro degli utenti che utilizzano la rete per questioni legate al business.
Il prossimo anno porterà diverse novità nel settore digitale nell'Unione Europea. A partire dal 15/06/2017, i costi delle chiamate, dei messaggi e del traffico internet saranno uniformati in tutta l'Unione e per prevenire frodi e abusi verrà vietato l'acquisto di sim in paesi diversi da quello di residenza (paesi nei quali, ad esempio, si applicano costi d'acquisto inferiori).
Su oltre trecento dispositivi elettronici connessi a Internet - come orologi e braccialetti intelligenti, contatori elettronici e termostati di ultima generazione - più del 60% non ha superato l'esame dei Garanti della privacy di 26 Paesi.
Dopo i primi due mesi chiusi in positivi, il mer­cato pubblicitario torna a flettere. È quanto ha cer­tificato Fcp-Assointernet, che a marzo ha registrato un -1,4% per il comparto, con Web a -6,2%, Mobile a +135,4%, Tablet a +25,2% e Smart Tv/Console a +8%.