Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv e internet, ITMedia Consulting: pay tv a 2,3mld nel 2017 (+35%)
 
Il video on demand in Europa varrà 940mln di euro a fine 2014, mentre l’offerta pay della televisione sondierà i 2,3mld nel 2017, con un incremento medio annuo del 35%.
Le previsioni sono quelle di ITMedia Consulting e sono contenute nel rapporto “Video killed the tv star” (in uscita a giugno), anticipate dal quotidiano “Il Sole 24Ore”. Nel merito, nello studio si sottolinea come la televisione, pur continuando a dominare il mercato audiovisivo, non possa prescindere dalla presenza di nuovi servizi offerti da internet, in streaming a pagamento, o in abbonamento (Svod) o per singolo contenuto (Tvod), che si stanno diffondendo sui principali mercati europei. Nel dettaglio, dei 940mln di fine 2014, 460 saranno generati dallo Svod in abbonamento e 412 dal Tvod pagando per singolo prodotto; il resto sarà generato dal vod gratuito. Quanto al prossimo anno, ITMedia Consulting stima che i ricavi europei supereranno 1,4mld di euro, per andare oltre i 2mld nel 2017. Condizioni perché i servizi on demand si affermino in Europa sono ovviamente la velocità della banda trasmissiva e la qualità delle immagini (UltraHdTv). (E.G. per NL)
23/05/2014 08:51
 
NOTIZIE CORRELATE
In attesa che si concluda la vicenda Premium, Vivendi deve risolvere i problemi in casa. Canal+, in calo nelle sottoscrizioni (492mila in meno nel 2016), è in rosso di quasi 400 milioni di euro.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.
Tagli drastici al pacchetto calcio con l’obiettivo di ridurre le spese: questo l’intento annunciato da Piersilvio Berlusconi durante la presentazione delle linee di sviluppo della pay-tv relative all’anno 2020.
A volte ritornano. Sky punta ancora alla pay-tv di Mediaset: la relazione burrascosa tra il Biscione e Vivendi diventa terreno di conquista per il vecchio pretendente.
Premium è il motivo del rosso di Mediaset: è questa la conclusione chiara che si evince dal rapporto Mediobanca sui prossimi anni che aspettano il Biscione; nel frattempo, l’affaire con Vivendi è ancora in attesa di ulteriori sviluppi.