Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv: è morto Carlo Sartori, storico della Rai, grande comunicatore
Dopo una lunga sofferenza per una malattia che lo aveva colpito qualche anno fa, Carlo Sartori, figura storica della Rai è morto ieri nella clinica Villa Salaria di Roma dove era ricoverato.
Sartori era nato a Castel del Piano (Grosseto) il 3 luglio 1946. Studiò alla Stanford University e fu visiting professor alla Columbia University di New York. Insegnò comunicazioni di massa allo Iulm di Milano, alla Luiss di Roma, alla facoltà di sociologia dell'università di Urbino, alla Sapienza e agli inizi anche al DAMS di Bologna. Fu inviato speciale per La Stampa, direttore delle relazioni esterne e internazionali della Rai, presidente dell'Associazione italiana dei critici radiotelevisivi. Autore di numerosi saggi sulla comunicazione e sulla televisione, manager di livello internazionale, tra i primi fondatori e presidente di Rai Sat, nonche' amministratore delegato di NewCo Rai International, l'attuale Rai World ha avuto una vita intensa tra l'Italia e l'America, centrata sull'industria della comunicazione come chiave per capire i mutamenti culturali e sociali nel passaggio tra due secoli. Nel 1980 realizzò per la Rai "viaggio intorno al mondo in 80 televisioni", dove c'era tutto quello che sarebbe successo nel ventennio successivo: l'avvento del sistema misto, la televisione tematica e personalizzata, il time shifting, le tv multilinguistiche, la crisi delle tv generaliste per tutti. Ha scritto per Mondadori i libri: "L'occhio universale" (1981), "La fabbrica delle stelle" (1983), "La Grande Sorella" (1989), "La qualità televisiva" (1993), ed ultimo "La Grande Sorella 2", la vendetta (della tv), dove ha incrociato, come al solito, una grande e ordinata mole di dati e notizie con la riflessione e l'interpretazione del contesto in cui si andavano a inserire e a segnalare un cambiamento senza ritorno dalla tv monodirezionale a quella multidirezionale, integrata con quello che una volta era il pubblico. Nel 2001 rifiutò di fare il direttore della tv della Nazioni Unite, dopo aver vinto un concorso al quale parteciparono uomini della comunicazione di tutto il mondo. I funerali si terranno domani mercoledi' 15 febbraio alle 15 nella basilica di Santa Maria del Popolo. (R.R. per NL)
 
 
14/02/2012 14:50
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.