Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv e nuove tecnologie: Google si prepara a portare Internet sul tv di casa in maniera stabile promettendo di cambiare il modo di fare televisione
Google vuole utilizzare Internet per cambiare il modo di fruire la televisione in tutto il mondo. Lo ha dichiarato Vincent Dureau, capo della tecnologia di Google Tv, presentando la nuova iniziativa del collosso della ricerca su Internet.
Il progetto di Google mira a integrare stabilmente il web nel tv di casa, trasformandolo in una postazione dalla quale ricevere ed inviare contenuti multimediali. Un intento niente affatto nuovo, nel quale si sono sino ad ora cimentati in molti, con risultati in verità poco felici (si pensi, per quanto riguarda l'Italia, a CuboVision di Telecom Italia). Questa volta, però, Google assicura di voler fare sul serio, coinvolgendo studios cinematografici e i principali brodcaster, che potrebbero utilizzare "la capacita' illimitata di stoccaggio del Web per le loro librerie di programmi, resi cosi' disponibili ogni volta che qualcuno vuole guardare un episodio storico di 'All in the Family' o classici film come 'Colazione da Tiffany'", fa sapere Dureau. Ovviamente il progetto si fonda sull'impiego di un televisore con decoder integrato oppure di un set-top-box ad hoc o ancora di un iPhone, tutti rigorosamente con software made by Google per collegarsi a Internet. "Non stiamo progettando un razzo diretto verso la luna - ha spiegato il manager di Google - ci stiamo dedicando alla realizzazione di un browser TV per raggruppare un insieme di cose che gli studi e le reti stanno gia' facendo, ma in modo sconnesso". Per gli esperti potrebbe trattarsi di una delle piu' grandi rivoluzioni che avverranno nei salotti dopo l'avvento dei videoregistratori digitali. Entro cinque anni, gli apparecchi televisivi che si collegheranno al Web saranno all'ordine del giorno. Quanto ai partner dell'iniziativa, la Cbs, pur rimanendo disposta a discutere ulteriori modi per distribuire i propri contenuti, si è dichiarata interessata a condizione, ha detto il vicepresidente della rete tv, "di avere una comprensione piu' solida dei piani di Google per monetizzare i contenuti che scorrono attraverso Google Tv". (A.M. per NL)
19/08/2010 17:21
 
NOTIZIE CORRELATE
In un articolo pubblicato sul Guardian di ieri, 12 marzo, Tim Berners-Lee (foto), inventore del world wide web e fondatore del World Wide Web Consortium (W3C), cerca di descrivere l’attuale punto di evoluzione del più diffuso mezzo di comunicazione al mondo ed elenca tre problematiche, a suo avviso pressanti, per il futuro che lo attende.
YouTube si è lanciata nel mondo dello streaming tv a pagamento (SVOD) e sembra intenzionata a fare le scarpe alle concorrenti, Netflix e Direct tv su tutte.
La centralità di internet è, nel mondo moderno, sempre più permeante e nelle zone caratterizzate dal fenomeno del digital divide, il disagio consiste nel non beneficiare di una connessione internet fissa, o di averne una troppo lenta che, inevitabilmente, va ad intaccare il lavoro degli utenti che utilizzano la rete per questioni legate al business.
Google non usa mezzi termini, soprattutto quando si tratta di tutelare la sua immagine dall’essere associati con le bufale online e, proprio per questo è arrivata, recentemente, la prima batosta al mondo delle fake news made in Italy; la compagnia di Mountain View, infatti, ha recentemente privato il noto blog complottista Byoblu, a cura di Claudio Messora, della possibilità di monetizzare i suoi contenuti con i banner di AdSense.
Il prossimo anno porterà diverse novità nel settore digitale nell'Unione Europea. A partire dal 15/06/2017, i costi delle chiamate, dei messaggi e del traffico internet saranno uniformati in tutta l'Unione e per prevenire frodi e abusi verrà vietato l'acquisto di sim in paesi diversi da quello di residenza (paesi nei quali, ad esempio, si applicano costi d'acquisto inferiori).