Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv e pubblicità: Mtv decolla a +10%. Obiettivi: mantenersi stabili e puntare sul palinsesto
 
Mtv Pubblicità archivia i primi cinque mesi del 2014 con una raccolta in crescita del 10%. Buona la performance media di tutti i canali in portafoglio, come quelli a target Kids (Nickelodeon, Nick Jr e Super) che da soli mettono a segno un +32% rispetto al periodo gennaio-maggio 2013.
C’è poi da registrare l’ottimo risultato ottenuto dagli Mtv Awards, in programma sabato 21 giugno al Parco delle Cascine a Firenze, che quest’anno hanno fatto il pieno di sponsor con un incremento a doppia cifra del fatturato (+10%) rispetto all’edizione 2013 e che puntano a bissare il successo di audience ottenuto lo scorso anno (1,5% di share sul target individui, 3,6% sul target commerciale). A far da padrona di casa della seconda edizione sarà l’attrice e conduttrice Chiara Francini, con la partecipazione di Pif e con il supporto dell’attore e comico Alessandro Betti. Il neo-direttore generale Paolo Romano, a meno di un mese dall’arrivo alla guida della concessionaria – ricordiamo ai nostri lettori che Romano ha preso il posto di Ivan Ranza, che a febbraio ha lasciato MTV Pubblicità per assumere la carica di direttore generale di System24, la concessionaria del Gruppo 24 Ore - non può quindi che ritenersi pienamente soddisfatto: “Squadra che vince non si cambia, il team ha fatto un ottimo lavoro. L’incremento è evidente anche rispetto agli ultimi tre mesi del 2013. Per quanto riguarda il mese di giugno le sensazioni sono positive, mentre è ancora presto per fare previsioni su luglio e agosto. Speriamo, comunque, di mantenere questo andamento da qui alla chiusura del nostro anno fiscale che termina il 30 settembre”. Con la fine dell’anno fiscale sarà inoltre ufficializzato il cambio di nome della concessionaria che, per armonizzarsi alle altre strutture internazionali del Gruppo, diventerà Viacom International Media Networks Advertising & Brand Solutions (i vertici ironizzano che stanno lavorando per cercare di trovare un nome un po’ meno lungo). Nel merito, “Queste ultime ormai rappresentano circa il 20% del fatturato della concessionaria, mentre il digitale va spinto ulteriormente: attualmente incide un po’ meno del 10% sui ricavi – continua Romano -. Non facciamo sconti, la nostra filosofia è mantenere la giusta correlazione tra listino e offerta. Parlando di performance di vendita, negli ultimi 12 mesi la concessionaria ha totalizzato più GRP di quanti siano stati garantiti in fase di negoziazione”. Il tutto è innegabilmente dovuto al buon andamento dell’audience del canale 8 del DTT: Mtv One, infatti, ha raggiunto il 3% di share sul target 15-34 anni, con una crescita dell’audience nel solo mese di maggio che si attesta a +42% rispetto al 2013 e a +8% rispetto ad aprile 2014. Sul fronte del palinsesto, tra le prossime novità, Mtv è al lavoro per la seconda edizione dei Digital Days in programma alla Reggia di Venaria il prossimo 12 e 13 settembre - “Un evento che cerca di attivare i giovani, unendo la musica ad altre arti” ha anticipato Antonella Di Lazzaro, vice president Mtv Brand -, ma non solo: a metà settembre tornerà anche Spit, mentre dopo la puntata speciale di maggio, a ottobre prenderà il via la seconda stagione della serie Mario di Maccio Capatonda. Pronto sulla rampa di lancio anche un nuovo docu-reality, dal titolo provvisorio Motociclisti, dedicato ai giovanissimi campioni del CIV (Campionato Italiano Velocità) e alle loro famiglie (il nuovo format prenderà il posto di Ginnaste, che subirà una battuta di arresto in autunno). Si studia poi il ritorno di Pif con Il testimone, reduce da una sesta stagione “andata decisamente bene, con indici di frequenza e permanenza molto alti e uno share medio dell’1,4% sul target individui e di oltre il 3,5% sul target commerciale con ascolti che hanno superato punte di 500.000 spettatori. Molto seguito anche on demand con 4 milioni di streaming”, conclude Di Lazzaro. I vertici hanno infine reso noto che non escludono di allargare la raccolta a editori terzi, come hanno fatto in passato con Super di De Agostini, anche se per il momento la società si concentra sull’attuale portafoglio prodotti. (V.R. per NL)
 
18/06/2014 15:41
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
L’ossessione di chi fa marketing nell’era 2.0 è il customer journey: le aziende osservano il comportamento degli utenti per individuare i momenti migliori in cui intercettare la loro attenzione e presentare il proprio messaggio.
Dal 2018 scompariranno gli spot pubblicitari di 30 secondi su YouTube e Google ha reso noto di “volersi concentrare sui formati che vadano bene sia per gli utenti che per i clienti”.
Nell’era del web 2.0 il superlativo assoluto del successo di una pubblicità non si costruisce con l’aggettivo “planetario”, ma con “virale”.