Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv e pubblicità. Sky Media annuncia nascita di team per vendite internazionali

La concessionaria pubblicitaria di Sky apre un nuovo canale per la vendita di spazi dedicato alle compagnie interessate nella vendita internazionale, sfruttando così i cinque mercati europei in cui Sky opera che producono 100 milioni di spettatori.
Sky Media, la concessionaria pubblicitaria della nota tv satellitare, ha dato vita ad un nuovo ramo dell’attività dedicato alle vendite internazionali. Il nuovo team avrà come obiettivo quello di assecondare le esigenze di quei clienti che vogliono realizzare campagne estese ai cinque mercati europei presidiati dalla pay tv di Murdoch, ovvero Italia, Germania, Regno Unito, Irlanda e Austria. Il portafoglio clienti della società include, oltre alle reti di Sky, anche diversi altri canali di broadcaster di rilievo come Viacom, Discovery, Fox e NBC Universal arrivando a collezionare una platea invidiabile grazie ai suoi 21 milioni di abbonamenti che producono oltre 100 milioni di spettatori ogni mese. E non è tutto qui: Sky Media offre anche visibilità in ambiti differenti dalla pay tv. Esempi sono gli spazi offerti sulle reti in chiaro della tv digitale (come Cielo o Mtv), quelli affiancati ai servizi online come ad esempio SkyGo o all’interno delle piattaforme che forniscono servizi on demand. Infine, il canale Sky News viene distribuito anche al di fuori del territorio europeo in Asia, Stati Uniti, Medio Oriente e Africa. Una copertura di peso che secondo John Litster, managing director della concessionaria, la rende “un partner sempre più appetibile per i principali brand europei e internazionali che vogliono estendere la portata delle loro campagne oltre i confini nazionali”. I nuovi uffici avranno sede a Monaco di Baviera e saranno guidati da Bernd Daubenmerkl che commenta affermando che “Sky Media offrirà ai brand internazionali l’opportunità impareggiabile di distribuire campagne di ampia portata adatte al mercato europeo e non solo”. Bernd proviene da Eurosport Media GmbH, in cui, dal 2006, si è occupato di dirigere vendite, marketing e comunicazione. (E.V. per NL)
24/11/2015 16:48
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Tar del Lazio (sent. n. 03747/2017) ha confermato la sanzione di 200.000 euro comminata da AgCom a Sky Italia con un provvedimento risalente al 2008.
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
A+E television networks, emittente televisiva via cavo e satellitare statunitense, è un brand sicuramente ancor poco conosciuto in Italia.
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
Sky Italia diventa il terzo polo della produzione e distribuzione cinematografica nazionale, ma le concorrenti storiche del mercato Rai con Rai Cinema e Mediaset con Medusa film non sembrano preoccuparsi eccessivamente.