Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv e pubblicità. Vola raccolta Viacom: primo trimestre a +16%

Il 2014 si era chiuso con un +12% sull’anno precedente e il solo brand Mtv aveva messo in tasca, secondo le stime Nielsen, 55 mln di euro di advertising: nei primi tre mesi dell’anno la raccolta sta registrando risultati positivi a due cifre.
Procede senza sosta e a ritmi notevoli la raccolta pubblicitaria dei canali del gruppo Viacom (tra i quali ricordiamo Mtv visibile sul digitale terrestre lcn 8, Nickelodeon e Comedy Central disponibili sulla pay tv di Sky). Come riporta un articolo apparso su ItaliaOggi venerdì 3 aprile, i dati potrebbero sembrare troppo alti e spropositati per un gruppo che in fin dei conti ripone in Mtv il suo marchio più importante, nonostante l’emittente televisiva musicale sia ferma all’undicesimo posto per audience tra i canali free del DTT – 0,68% di share sul totale individui in prima serata tra gennaio e marzo e una media attorno allo 0,6% sulle 24 ore -. Nel dettaglio, specifichiamo per i nostri lettori, Mtv e Mtv Music hanno chiuso il terzo mese dell’anno al 2,4% di share sul pregiato target individui 15-34 anni, merito soprattutto della partenza con il botto della nuova edizione di Ginnaste Vite Parallele, che si è confermato peraltro come seconda property anche nell’offerta on demand di www.mtv.it. Per quel che concerne i palinsesti poi, la scorsa settimana i telespettatori hanno assistito al debutto della quinta stagione della serie Modern Family e da questa sera andrà in onda alle 21.10 la seconda amatissima stagione di 16 anni e incinta Italia (preceduta alle 20.15 dallo speciale 16 anni e incinta-un anno dopo, in cui si vedranno i risvolti delle storie delle protagoniste della prima stagione). Viacom comunque, grazie all’aiuto e alla collaborazione di tutto il bouquet dei suoi canali, si conferma come il sesto editore della penisola, con ben sette milioni di contatti medi al giorno, un ascolto a quota 160 mila e oltre 3,8 mln di unique browsers nel mese di marzo. Analizzando il grande scenario della tv italiana, va marcato, come riporta un articolo di ItaliaOggi di giovedì 2 aprile, che gli editori free (tra i quali compare appunto anche il Gruppo Viacom), a prescindere dai buoni o dai cattivi andamenti complessivi, non sono stati finora in grado di sviluppare valide offerte in alta definizione. E il quadro risulta quasi paradossale, se consideriamo il fatto che le famiglie in pochi anni hanno completamente rivoluzionato il loro parco tv, dotandosi di apparecchiature avanzate e in Hd, purtroppo non ancora sfruttabili a dovere (per il momento solo la pay tv di Sky ha sfruttato l’Hd per differenziarsi dalla concorrenza, premendo l’acceleratore sul satellite che offre grandi valori qualitativi). “Sulla penisola le società di telecomunicazioni non hanno fatto nel tempo grossi investimenti sul cavo e la fibra – ha spiegato Pietro Guerrieri, direttore generale di Ses Astra Italia, divisione del Gruppo Ses, primo al mondo per flotta di satelliti e fatturato -; in Italia abbiamo sostanzialmente solo due piattaforme, il satellite e il digitale terrestre. Sta crescendo la fibra, ma solo nelle aree metropolitane. E il digitale – continua Guerrieri – è diventato così importante rispetto ad altri paesi perché fino a qualche tempo fa l’operatore di rete in Italia era anche editore e privilegiava quindi il segnale terrestre. In futuro anche la visione in mobilità avrà bisogno di un supporto da parte del satellite, che è cinque volte più performante delle reti mobili e costa molto meno – aggiunge il d.g. di Ses Astra -. Per questo il satellite non può più essere visto come concorrente delle altre piattaforme, ma come un supporto a soluzioni ibride: il mix satellitare e terrestre sarà inevitabile nei prossimi anni”. (V.R. per NL)
08/04/2015 10:18
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
In un articolo del 15 marzo, pubblicato sul blog ufficiale di Viacom (Visual & Audio Communications - conglomerato di media statunitense con vari interessi in tutto il mondo nei canali televisivi satellitari e via cavo), si legge: “Insieme a Fox Networks Group e Turner siamo lieti di annunciare la nascita di OpenAP, la piattaforma avanzata di rilevazione audience nel settore televisivo”.
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
Paramount Channel, una delle reti televisive d’intrattenimento più popolari in Italia, ha compiuto un anno. Il 7 febbraio dell’anno scorso era avvenuto il lancio del canale (27 sul digitale terrestre e su Tivùsat) di Viacom International Media Networks Italia che punta ad affermarsi sul competitivo mercato italiano.
L’ossessione di chi fa marketing nell’era 2.0 è il customer journey: le aziende osservano il comportamento degli utenti per individuare i momenti migliori in cui intercettare la loro attenzione e presentare il proprio messaggio.