Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv e Tlc, Giacomelli (MISE): bene rapporto Lamy, il conflitto tra tv e telco non serve
 
Il rapporto Lamy introduce un elemento di chiarezza in una materia complicata: il conflitto tra tv e tlc in Europa non serve a nessuno”.
Questo il primo commento del sottosegretario alle Comunicazioni Antonello Giacomelli sul rapporto presentato ieri l'altro alla Commissione europea dall’ex direttore generale dell’Organizzazione mondiale del commercio. “Lo dovremo leggere con attenzione ma la prima impressione è positiva. Abbiamo sempre detto che l’utilizzo della banda 700 da parte della telefonia mobile avrebbe dovuto essere armonizzata con l’introduzione dei nuovi standard di compressione tv, come il T2 – continua Giacomelli: - ora ci sarà più tempo per verificare l’impatto della tecnologia sull’evoluzione del mercato televisivo. L’importante è che tale processo sia armonizzato a livello europeo”. Da ieri il sottosegretario Giacomelli è a Bruxelles per presentare il programma del Semestre italiano di presidenza Ue sulle comunicazioni alle commissioni Trasporti e Cultura del parlamento europeo. (E.G. per NL)
03/09/2014 10:17
 
NOTIZIE CORRELATE
Mentre negli Stati uniti la pratica 5G procede già all’assegnazione delle frequenze tramite gare, l’Europa si dà tempo fino al 2022, termine massimo entro il quale gli stati membri dovranno aver completato il passaggio delle frequenze comprese nei 700 Mhz dagli operatori televisivi a quelli delle telecomunicazioni.
Gli Stati Uniti hanno ultimato l’asta per la cessione delle frequenze nella banda 600 MHz dagli operatori televisivi alle telco: il guadagno è stato praticamente un quarto rispetto alle previsioni ma l’asta dà il via allo sviluppo del 5G.
Con l’ufficializzazione della tabella di marcia per la liberazione della banda 700 MHz, che gli operatori televisivi dovranno cedere alle telco in vista delle connessioni 5g diventa attuale la problematica relativa alla nuova collocazione dei mux televisivi, ancora lontana dall’essere risolta.
Nella riunione del Consiglio dei Ministri del 29 dicembre scorso sono stati nominati i Sottosegretari di Stato del Governo Gentiloni. Rispetto al governo Renzi che ne aveva 44, i Sottosegretari sono ridotti a 41, e si tratta in larga parte di riconferme. Il primo Ministro ha rivendicato la stabilità della squadra, per garantire la continuità sul piano politico.
Il ministero dello Sviluppo economico ha reso noto di aver terminato lo switch off degli impianti DTT che interferivano sull'Adriatico con i paesi confinanti.