Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Emilia Romagna. Politici in televisione a pagamento, la procura di Bologna apre un’inchiesta
La vicenda che ha coinvolto prima il Movimento 5 Stelle, poi tutti gli altri partiti, persino il Pd che aveva subito dichiarato che il sistema fosse "immorale", confluisce in un fascicolo conoscitivo in cui confluirebbe un esposto anonimo giunto anche in diverse redazioni giornalistiche.
La Procura di Bologna ha aperto un fascicolo sulla vicenda delle comparsate a pagamento sulle televisioni locali di alcuni politici. L’apertura del fascicolo, a quanto si apprende conoscitivo e affidato al pm Antonella Scandellari, non viene però confermata dalla Procura. Nel fascicolo potrebbe confluire anche un esposto anonimo sulla vicenda arrivato nei giorni scorsi anche alla redazione bolognese di Repubblica. La vicenda inizia proprio grazie a una serie di articoli del quotidiano diretto da Ezio Mauro: sotto accusa vengono messe delle trasmissioni che il Movimento 5 stelle, nella persona del consigliere regionale Giovanni Favia, avrebbe pagato. Dei contenitori pubblicitari sulla emittente la 7 Gold che però sarebbero state mascherate da vere e proprie trasmissioni di informazione. A quel punto inizia un putiferio, sul quale interviene lo stesso Beppe Grillo che, ai suoi, dice: “Andare in tv a pagamento è come pagare per andare al proprio funerale”. La polemica va avanti diversi giorni, e anche il Movimento 5 stelle si divide. Il Pd diventa il più agguerrito nemico di Favia che giudica il suo comportamento immorale. Lo fa attraverso Matteo Richetti, presidente dell’assemblea in Regioni. Pochi giorni dopo, però, e questa volta è il Fatto Quotidiano a far emergere che anche i consiglieri regionali del Pd pagavano. Non a Bologna, ma in Romagna. Ma il sistema era esattamente lo stesso. A quel punto sulla vicenda cala il silenzio. La pratica delle comparsate a pagamento, nonostante la Procura oggi voglia vederci meglio, è una consuetudine che si è consolidata negli anni, almeno dal 1976, quando nascono le prime tv private locali, grazie a una sentenza della Corte costituzionale, che, di fatto, toglie il monopolio alla Rai. (da Il Fatto Quotidiano)
22/08/2012 19:34
 
NOTIZIE CORRELATE
I giornalisti, tecnici ed impiegati delle emittenti televisive locali del gruppo Spallanzani di Reggio Emilia, Rete7 ed È Tv Marche (controllata), da due mesi senza stipendio ed a rischio chiusura, hanno indetto per la giornata di oggi uno sciopero di 4 ore con manifestazione di protesta davanti la sede della proprietà.
Il Ministero dello Sviluppo Economico ha resto noto che a conclusione del procedimento di revisione avviato, sulla base delle osservazioni formulate da alcuni operatori, sono state apportate variazioni alla graduatoria di assegnazione delle frequenze televisive locali della Regione Emilia Romagna di cui alla determina pubblicata sul sito il 14 luglio 2015.

Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico delle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
Ricordiamo che le graduatorie individuano i soggetti che avranno diritto di essere trasportati, alle condizioni dei listini

Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico delle graduatorie regionali e degli aggiornamenti relativi ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico delle graduatorie per il rilascio dei diritti d’uso di frequenze attribuite a livello internazionale all’Italia - c.d. frequenze coordinate - non assegnate ad operatori di rete nazionali per il servizio televisivo digitale terrestre, a conclusione delle procedure avviate con i bandi pubblicati il 02/05/2016.