Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv, Francia. Affari in picchiata per Ben Ammar: ulteriori perdite per la holding Qc

Il 2014 è stato un anno difficile per le attività televisive di Tarak Ben Ammar, almeno a giudicare dai conti delle holding in campo tra Italia, Francia e Nord Africa.
A fare il quadro della situazione è la radiografia di Milano Finanza, che ha passato in rassegna i bilanci 2014, appena depositati della holding francese Quinta Communications (Qc) e della holding italiana Holland Coordinator & Service Company (Hc&sc), controllata dall'omonima olandese che detiene anche il 75% della capogruppo transalpina. La perdita 2014 di Quinta Communications, pari a 15,3 milioni di euro, è stata riportata a nuovo dall'assemblea dei soci presieduta dallo stesso Ben Ammar e va ad aggiungersi agli altri 93,8 milioni di passivo provenienti da esercizi precedenti. Ricordiamo ai nostri lettori che Quinta Communications possiede un capitale di 66 milioni e controlla attivi per 52 milioni, tra i quali il 100% della francese Teleclair, il 99,4% della Quinta Communications Tunisie e, nello stesso Stato nordafricano, il 49% di Quinta Communications Distribution Tunisie, il 49,6% di Andromeda Tunisie e il 45% di Imperium Tunisie, tutte attive nella produzione o post-produzione di programmi. Quanto invece alla situazione italiana, Hc&sc ha registrato nel 2014 una perdita consolidata di 9 milioni, mentre nel 2013 aveva ottenuto utili per 30,2 milioni. La controllata Prima Tv, che gestisce la rete digitale DFree, ha perso circa 3 milioni di euro, proprio come la casa di distribuzione cinematografica Eagle Pictures. Ben Ammar, in qualità di presidente societario, ha dichiarato in merito alla holding italiana “l’opportunità di razionalizzare la struttura del gruppo, anche al fine di ridurre i costi di gestione”. E nel panorama delle tlc francesi, la scorsa settimana è avvenuto un grande cambiamento ai vertici: il finanziere Vincent Bolloré (che annovera tra gli amici fidati Ben Ammar, suo consigliere e consulente), presidente e maggior azionista singolo di Vivendi, ha licenziato l'amministratore delegato della controllata a pagamento Canal Plus, rafforzando ulteriormente il suo controllo sul gruppo di pay-tv: come riporta un articolo di ItaliaOggi di venerdì 4 settembre, infatti, Bolloré ha abbattuto tutti i muri di Canal+ diventando presidente del consiglio di sorveglianza (di fatto capo supremo) e sottolineando che “Groupe Canal sarà completamente integrato con Vivendi. Sono sbigottito per il funzionamento in silos separati e per la mancanza di conoscenza dei punti di forza che hanno i vicini. Sono scioccato dall’uso eccessivo dell’esternalizzazione quando ci sono mezzi all’interno. Parlatevi, scambiate. Fidiamoci! Saremo più forti!”. Sullo sfondo di questa manovra di integrazione, secondo i rumors, ci sarebbe il preoccupante andamento discendente degli abbonamenti alla pay tv in Francia, fatto grave dal momento che Canal+ rappresenta più della metà dei ricavi di Vivendi. La parte più interessante del nuovo asset societario, come marcato dal presidente, riguarderà il processo di internazionalizzazione: si è parlato infatti di distribuzione oltreoceano dei contenuti, sviluppo del business over the top, con attenzione in particolare ai mercati in lingua inglese e spagnola. “Abbiamo anche la possibilità di condividere i contenuti all’estero attraverso i nostri partner di Telefonica, con i quali abbiamo già raggiunto un accordo. La cultura francese ed europea è ricca di contenuti e competenze ed è in grado di tenere testa ai prodotti americani o asiatici”. (V.R. per NL)
05/09/2015 09:21
 
NOTIZIE CORRELATE
In attesa che si concluda la vicenda Premium, Vivendi deve risolvere i problemi in casa. Canal+, in calo nelle sottoscrizioni (492mila in meno nel 2016), è in rosso di quasi 400 milioni di euro.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.
Il rigore del metodo è ciò che conferisce alle scienze dure credibilità e affidabilità e, per questo motivo, vanta numerosi tentativi di esportazione in altre aree del sapere. Se da uno studio dipendono decisioni importanti, poi, rasserena poter contare su un metodo considerato garanzia di conoscenza (quasi) certa della realtà oggettiva. La pubblicità in radio, tuttavia, non gode di questo privilegio.
Chi legge i giornali lo fa sempre più spesso sul proprio telefonino. L'Acpm (Alliance pour le ciffres de la presse et des médias), incaricata di monitorare la diffusione della stampa in Francia, ha certificato il sorpasso del digitale (53%) sulla carta stampata (47%) per quanto riguarda le abitudini dei lettori, mentre, tra le persone che leggono i giornali sul web, il 41% utilizza uno smartphone e il 40% si avvale del pc.
C'è poco da fare, i conti continuano a non tornare: quei 3 mld di euro non sono sufficienti per Delphine Ernotte, AD di France Télévisions, beneamata dal presidente Hollande, giunta ormai due anni fa al vertice della tv di stato con l'obiettivo ambizioso di risanarla e di ridurre entro il 2020 i contributi del ministero dell'economia che (esattamente come in Italia) rimane il suo unico azionista.