Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv, Francia. MTV sfida Youtube: i contenuti saranno personalizzabili

Tempo di cambiamenti anche per Mtv France: la filiale d'Oltralpe di Viacom che possiede il canale televisivo musicale icona degli anni 80 e 90 sta infatti cercando la strada giusta per conformarlo alle preferenze delle nuove generazioni che non guardano le classiche televisioni musicali.
E sembra averla trovato attraverso una formula personalizzabile che consentirà di vedere e sentire la musica più affine ai propri gusti musicali, evitando la linea generica della classica programmazione ormai desueta: in poche parole Mtv, almeno in Francia, si metterà in moto per combattere, attraverso una nuova strategia, la concorrenza di Youtube, che permette la visualizzazione di milioni di video on demand e che di fatto ha spodestato le televisioni musicali, soprattutto quella che, fino a pochi anni fa era la regina del genere: Mtv. Il suo calo di ascolti è stato proporzionale negli anni: negli Stati Uniti si parla di una perdita del 23% nel solo 2015. In Italia, ormai, la Mtv tradizionale, che negli anni ha abbandonato la scelta dei video musicali a rotazione per diventare sempre più generalista, è passata quest’anno nelle mani di Sky, anche se a Viacom sono rimasti i canali musicali spin off del marchio. La soluzione prospettata proprio da Thierry Cammas (foto), presidente di Viacom Networks France, è di lanciare My Mtv, che consentirà di vedere i contenuti premium di Mtv: dai video musicali, agli Mtv Awards ai concerti, il tutto con una ricetta del tutto personalizzabile. Gli utenti dovranno abbonarsi a un bouquet visibile sul televisore così come sui dispositivi mobili e potranno creare cinque canali da arricchire in base alle proprie preferenze musicali, con continua possibilità di modifica. Una volta individuato il genere prediletto, il periodo musicale ed altri parametri, un algoritmo trasmetterà i videoclip adatti alle richieste. C’è da dire, poi, che per Viacom France questa tipologia di prodotto non è una novità: tempo addietro ha già lanciato in Francia Mon Nickelodeon Junior, servizio su cui creare un canale personalizzato basato sui contenuti del canale Nickelodeon. (S.F. per NL)

12/01/2016 13:23
 
NOTIZIE CORRELATE
In attesa che si concluda la vicenda Premium, Vivendi deve risolvere i problemi in casa. Canal+, in calo nelle sottoscrizioni (492mila in meno nel 2016), è in rosso di quasi 400 milioni di euro.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.
Il rigore del metodo è ciò che conferisce alle scienze dure credibilità e affidabilità e, per questo motivo, vanta numerosi tentativi di esportazione in altre aree del sapere. Se da uno studio dipendono decisioni importanti, poi, rasserena poter contare su un metodo considerato garanzia di conoscenza (quasi) certa della realtà oggettiva. La pubblicità in radio, tuttavia, non gode di questo privilegio.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).
Chi legge i giornali lo fa sempre più spesso sul proprio telefonino. L'Acpm (Alliance pour le ciffres de la presse et des médias), incaricata di monitorare la diffusione della stampa in Francia, ha certificato il sorpasso del digitale (53%) sulla carta stampata (47%) per quanto riguarda le abitudini dei lettori, mentre, tra le persone che leggono i giornali sul web, il 41% utilizza uno smartphone e il 40% si avvale del pc.