Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Fuori le frequenze dalla concessione alla RAI

Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Una frase che potrebbe pesare come un macigno perché, in nessuna parte del testo, pare si parli di frequenze, parola scomparsa per far posto, appunto, alla “capacità trasmissiva”. Questo passaggio, continua il giornale del gruppo L'Espresso, sarebbe il mezzo con cui spianare la strada al sempre discusso operatore di rete unico: in questo modo, infatti, la RAI non avrebbe più la titolarità di diritti d'uso ma solo quella dell'autorizzazione alla fornitura di servizi di media audiovisivi. Il provvedimento farebbe seguito a quello del 2015 quando, nell’ambito della liberazione delle frequenze interferenti con l’estero, fu predisposta una doppia gara: una per fornitori di contenuti e una per operatori di rete, decisione che Antonello Giacomelli, sottosegretario al Mise con delega alle Comunicazioni, definì “un passo decisivo verso la separazione operatori di rete-fornitori di contenuti”. Il testo del già citato articolo, fa presupporre l’intenzione di estendere questo approccio all’intero mercato italiano; la cosa assume, fra l’altro, una certa importanza nell’ambito della questione 700 MHz, offrendo la possibilità per chi possiede diritti d’uso validi per date successiva al 2022 (termine ultimo per la liberazione delle frequenze) di liberare gli asset ottenendo un opportuno indennizzo. (E.V. per NL)
14/03/2017 12:05
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Il Ministero dello Sviluppo Economico ha prorogato oggi di 7 giorni il termine per la presentazione delle istanze di partecipazione alla procedura di selezione comparativa per l’assegnazione di 86 frequenze asincrone in onde medie, originariamente collocato al 15/03/2017.
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.