Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv, interferenze internazionali. Giacomelli: pronti a mix interventi per definire situazione "imbarazzante"
 
Il sottosegretario allo Sviluppo economico con delega alle Comunicazioni Antonello Giacomelli si dichiara determinato a risolvere una volta per tutte il problema delle interferenze internazionali, che più che problemi politici (le proteste delle scoordinate emittenti locali sono pressoché invisibili) sta procurando imbarazzi nelle relazioni estere.
L'idea di Giacomelli, illustrata in Parlamento alla Commissione Lavori Pubblici, è articolata  e prevede un coacervo di incentivi (il monte indennizzi dovrebbe essere elevato da 20 a 51 mln di euro), di ridistribuzione delle frequenze del dividendo interno non assegnate (per mancanza di offerte, anche per scarsa qualità delle stesse) o comunque a vario titolo disponibili (come il canale UHF 58) e obblighi di trasporto (cd "must carry") per gli operatori di rete locali destinatari di assegnazioni di frequenze definitive (semmai il termine abbia un senso in Italia). Secondo indiscrezioni raccolte da questo periodico, il riassetto normativo dovrebbe prevedere anche l'equiparazione del ruolo di carrier di programmi nazionali tra network provider locali e nazionale (la questione è tuttora controversa sul piano giuridico). "Alla soluzione si arriva - ha spiegato il sottosegretario -: cerchiamo di farlo nel modo migliore, con garanzie, tenendo indenni gli operatori ma arriviamo in fondo perché è imbarazzante che l'Italia non ha nessuna frequenza registrata a Ginevra e dunque riconosciuta a livello internazionale. Tradotto: il valore delle frequenze è zero ed esse hanno un unico acquirente, lo Stato, che periodicamente è costretto alla rottamazione. Ora lo facciamo in modo definitivo". Sul tema dei canali disponibili (ex dividendo) Giacomelli si è così espresso: "Il governo dimostra la sua disponibilità a mettere in campo frequenze non assegnate e ci stiamo attivando per sbloccare le frequenze non attivate entro aprile. L'intenzione dell'esecutivo è quella di dare certezza in merito ai contributi per questo settore, con risorse adeguate". (E.G. per NL)
 
03/12/2014 08:29
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Mentre negli Stati uniti la pratica 5G procede già all’assegnazione delle frequenze tramite gare, l’Europa si dà tempo fino al 2022, termine massimo entro il quale gli stati membri dovranno aver completato il passaggio delle frequenze comprese nei 700 Mhz dagli operatori televisivi a quelli delle telecomunicazioni.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).