Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. La crisi economica non risparmia Mediaset: nel 1° semestre 2011 crollo dell'utile netto del 30%
Mediaset archivia un utile semestrale in forte calo, penalizzato da una nuova contrazione della pubblicità in Italia e Spagna che porterà a un saldo negativo della raccolta a fine anno e a un risultato netto inferiore al 2010.
L'utile netto di competenza è sceso nel primo semestre in calo di oltre il 30% a 164,4 milioni da 241,6 milioni, di poco inferiore la contrazione dell'Ebit, passato a 341,5 milioni da 485,2 milioni di un anno fa. I ricavi totali hanno nel complesso tenuto (-1%) e ammontano a 2.253,4 milioni. Sono risultati in linea con le previsioni raccolte da un sondaggio Reuters tra 10 broker italiani ed esteri, che in media si aspettavano un utile netto consolidato a 168 milioni, un Ebit di 37 milioni e ricavi a 2.261 milioni (2.254 la mediana). In Italia, dove i ricavi totali sono scesi a 1.712,9 milioni da 1.817,2, la raccolta pubblicitatia dei canali gratuiti è scesa del 3,2% a 1.407,6 milioni; se si aggiunge quella della pay tv e del portale web la contrazione è del 2,1%. I ricavi di Mediaset Premium (vendita di carte, ricariche, abbonamenti Easy Pay e raccolta pubblicitaria) sono saliti del 14,9% a 263,9 milioni; i clienti attivi al 30 giugno 2011 ammontano, come già annunciato, a 4,4 milioni (3,9 milioni a fine 2010). Mediaset Espana, che ha visto il consolidamento integrale delle attività televisive free di Cuatro acquiste a fine 2010, i ricavi pubblicitari sono saliti a 522,6 milioni da 423,3 milioni. Il gruppo non esclude un graduale miglioramento del mercato pubblicitario nel secondo semestre, ma ribadisce che è difficile immaginare una radicale inversione di tendenza rispetto ai primi sei mesi dell'anno. "L'entità della flessione della raccolta registrata nel primo semestre - spiega Mediaset in una nota - allontana la possibilità di conseguire su base annua una crescita dei ricavi pubblicitari rispetto all'esercizio precedente, sia in Italia sia in Spagna". Alla luce di queste aspettative sulla raccolta pubblicitaria televisiva e sulle performance delle altre aree di business, il gruppo prevede di chiudere il 2011 con un risultato netto consolidato inferiore a quello del 2010. (fonte Reuters)
28/07/2011 21:14
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.