Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. La Rai idea Parlamento Tv, canale dedicato ai lavori parlamentari
Entro settembre dovrebbe nascere Parlamento Tv, un canale televisivo pubblico dedicato esclusivamente ai lavori parlamentari.
A prevederlo è il Contratto di servizio per la Rai 2013-2015 che il ministero dell’Economia e Viale Mazzini hanno già approvato e che da giorni è all’esame della commissione bicamerale di Vigilanza. Al punto “u” della bozza di accordo tra lo Stato e la tv pubblica, infatti, si prevede che "La Rai è tenuta a presentare entro sei mesi (...) un progetto di canale istituzionale dedicato ai lavori parlamentari, dando anche adeguato rilievo all’attività svolta dalle Commissioni". Tra gli scopi della Parlamento tv che sarà trasmessa sulle frequenze Rai, c’è anche quello di "riservare adeguati spazi all’informazione sulle attività delle istituzioni costituzionali, di rilievo costituzionale, di garanzia e controllo dell’Unione europea". La tv, dunque, parlerà anche di Corte costituzionale, Csm, authority e rappresentanze della Commissione in Italia. Dovrebbe essere finanziato probabilmente grazie ai tagli nelle sedi regionali Rai e grazie a un progetto di "riqualificazione e ridefinizione della propria articolazione regionale anche alla luce delle nuove tecnologie", previsto da un emendamento. L'iniziativa ha raccolto, però, malumori anche all'interno dello stesso Parlamento. "Voterò convintamente contro il nuovo Contratto di servizio perché è inimmaginabile l’intenzione di creare un apposito canale Rai dedicato ai lavori parlamentari", ha commentato Maurizio Gasparri (Forza Italia), "I cittadini interessati ai lavori d’Aula o di commissione hanno già un’abbondanza di mezzi per essere sempre costantemente informati. Basta collegarsi a internet e consultare i siti istituzionali di Camera e Senato, che tra l’altro includono una web tv in diretta dall’Aula. Senato e Camera hanno poi un loro canale satellitare, senza dimenticare l’ottimo servizio radiofonico fornito da Gr Parlamento che in diretta o in differita manda in onda sia i lavori d’Aula che delle commissioni. Sarebbe una sciocchezza colossale imporre alla Rai questo nuovo canale oneroso e inutile". (R.R. per NL)
 
22/03/2014 08:17
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.