Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Le televisioni via web crescono: 590 in Italia. Praticamente come le tv locali esistenti
La web tv in Italia è cresciuta ed è diventata matura. Con 590 esperienze di televisione digitale realizzata dal basso, il settore rappresenta ormai un grosso segmento di cittadinanza attiva e in alcuni casi comincia a saper fare impresa e a realizzare profitti.
Lo segnala Francesca De Benedetti in un ampio articolo sul sito dell’Osservatorio europeo di giornalismo, citando in particolare i dati del settimo rapporto Netizen, realizzato dall’Osservatorio Altratv. A livello numerico in testa sono Lazio (102 tv), Lombardia (85), Puglia (63) e Emilia-Romagna (53). Il Rapporto, spiega De Benedetti, fotografa il passaggio dall’adolescenza alla maturità della tv web in Italia. Diminuisce il tasso di crescita (nel 2010 le tv web erano 533 con crescita annua del 52%, nel 2011 sono 590 con un incremento annuo dell’11%). Aumentano però la sostenibilità e la capacità imprenditoriale. Nonostante il calo dei finanziamenti legati alla pubblica amministrazione, attestati al 12%, cresce in modo considerevole la sinergia con piccole e medie imprese del territorio. La web tv nel 2011 viene aggiornata con costanza, è dotata di apparecchiature professionali, ha uno staff più ampio e maturo. Soprattutto, gioca la carta vincente delle nuove tecnologie: social network, device mobili, piattaforme di videosharing. La parola chiave rimane comunque il territorio, come sottolinea in una intervista all’Ejo Giampaolo Colletti, fondatore di Altratv e coordinatore della ricerca Netizen. Non a caso, spiega Colletti, l’esperienza di Teletorre 19 ‘’rimane paradigmatica: è una web tv legata alla comunità. Nata in un quartiere ‘difficile’ di Bologna e fondata da un pensionato, Teletorre ha fatto scuola e ha creato comunità. Il rapporto Netizen 2012 ci racconta che Lazio, Lombardia e Puglia hanno la più alta densità di web tv: rispettivamente 102, 85 e 63. In Emilia-Romagna ne contiamo 53, ma si tratta probabilmente della regione più virtuosa, perché qui si realizzano alcune condizioni importanti: la continua ricerca di idee innovative, l’ampio tessuto di cittadinanza attiva digitale, una sinergia virtuosa con il territorio e anche con i privati dal punto di vista economico”. (www.lsdi.it)
19/01/2012 08:10
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.