Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv libere, Marche: scomparso il fondatore di Emmanuel Tv

Precursore, insieme a Peppo Sacchi di Telebiella A21 Tv, della liberalizzazione dell'etere italiano, Sergio Emmanuele Anastasio è morto ad Ancona a 86 anni.
Personaggio sopra le righe, autodefinitosi "tuttologo", iniziò come fotoreporter nei giornali. Autodidatta, nel 1973 fondò  Emmanuel Tv dopo un'esperienza di qualche anno prima condotta attraverso l'installazione di alcuni televisori distribuiti in esercizi commerciali di Ancona e collegati via cavo con uno studio improvvisato a casa sua, conducendo gran parte dei programmi. Appassionato tecnico, non seppe però tradurre adeguatamente a livello imprenditoriale il suo estro e mentre il settore che aveva contributo a creare cresceva velocemente, nel 1982, lui dismetteva l'attività. Dopo la chiusura di Emmanuel Tv (che ebbe anche una versione radiofonica effimera), collaborò con Galassia Tv del costruttore Edoardo Lonagarini, insegnò cinematografia e scrisse diversi libri. (E.G. per NL)
24/02/2016 08:15
 
NOTIZIE CORRELATE
Pubblichiamo in esclusiva per questa rubrica due documenti introvabili per gli appassionati della storia delle prime radio e tv locali italiane.
Per la prima volta a Busto Arsizio un mostra che documenta la nascita delle televisioni private. Dal 19 novembre al 3 dicembre 2016 lo spazio polifunzionale di Bottega Artigiana in via Zappellini, 4 ospiterà una rassegna dedicata alle due televisioni nate, l’una a Busto Arsizio e l’altra a Legnano, che hanno fatto la storia dell’emittenza privata italiana: TeleAltoMilanese e Antenna3 Lombardia.
Guelfo Marcucci, pioniere della Radiotelevisione italiana e per sessanta anni riferimento di una dinastia imprenditoriale che è ai vertici della provincia di Lucca con ramificazioni in tutta Italia e nel mondo, non c'è più.
Il de profundis del monopolio RAI fu intonato per la diffusione su scala locale. Tuttavia una fine elaborazione dottrinale e l'evoluzione sociale, politica e tecnologica consentirono a breve l'estensione dei benefici liberistici all'ambito nazionale.
Il 26 marzo 1927 si firmava una convenzione “tra la Repubblica di San Marino ed il Regno d’Italia per la costruzione e l’esercizio di una ferrovia elettrica San Marino – Rimini e per l’impianto e l’esercizio di una stazione radio telefonica nel territorio di questa Repubblica”.