Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv locali: 12 milioni in arrivo per gli spot per il DTT. Ma già si litiga sulla ripartizione del 50% dello stanziamento
Dopo la mazzata della soppressione delle provvidenze per l'editoria, mentre le radio continuano a piangere, per le tv locali, già destinatarie di un contentino (più che altro dal sapore elettorale), costituito da un minimo aumento dei fondi ex l. 448/1998, arriva qualche altro obolo.
Niente di eclatante, né di inatteso, invero: si tratta dei 12 milioni di euro che il Ministero dello Sviluppo Economico ha stanziato (da tempo) per promuovere il passaggio al digitale terrestre attraverso una campagna di comunicazione a mezzo di spot trasmessi direttamente dalle tv locali interessate dalla migrazione tecnologica. La trasmissione dei messaggi potrebbe avere luogo già dal 10 aprile prossimo a partire dall'area tecnica 3, costituita dal Piemonte orientale (alle cui emittenti è attribuito uno stanziamento di circa 1,1 mln di euro) e dalla Lombardia (fondi per 3,7 mln), cui seguirà l’Emilia Romagna (2,2 mln) e via via le regioni di successiva digitalizzazione, con singoli riparti però ancora da definire. Le modalità di attribuzione degli stanziamenti per emittente saranno quelle già definite in occasione dei precedenti switch-off: il 50% delle risorse verrà assegnato proporzionalmente al punteggio conseguito nella più recente graduatoria Corecom ex L. 448/1998 nella regione di appartenza, mentre per la metà residuale la determinazione avverrà sulla base della copertura del segnale (regionale, pluriprovinciale, provinciale, subprovinciale). Soluzione, questa ultima, che, pur non essendo inattesa, sta già determinando profondi malumori tra gli editori per via del mancato aggiornamento del database impiantistico istituzionale, sollecitato pesantemente dal fortissimo trend di compravendita di diffusori che ha interessato le regioni del nord Italia negli ultimi mesi, mutando, in alcuni casi anche profondamente, il quadro radioelettrico. Scontati, quindi, i soliti ricorsi al TAR, soprattutto da parte delle emittenti che, a fronte di significativi investimenti, sono cresciute da una dimensione subprovinciale o provinciale ad un livello pluriprovinciale o addirittura regionale. (A.M. per NL)
 
30/03/2010 20:15
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.