Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv locali, accolti gli emendamenti presentati contro i tagli del "Decreto del Fare". Il provvedimento passa adesso all'esame dell'Aula
 
Viva soddisfazione delle associazioni delle emittenti radio-tv per l’approvazione, da parte delle Commissioni riunite I° e V° della Camera, di un emendamento all’interno del “Decreto Fare” che rende giustizia alle tv locali private delle loro frequenze poichè destinate ai servizi LTE.
Oltre al grave danno economico subito dalle imprese, queste ultime, in assenza di un chiarimento del legislatore, dopo aver percepito un indennizzo più che modesto, si sarebbero trovate a pagare nel corso dell'esercizio un'onerosa imposta sul riconoscimento del danno subito. “Finalmente - dichiara a riguardo Maurizio Giunco, presidente dell'Associazione Tv locali della Federazione Radio Televisioni (FRT) – dopo numerosi e inascoltate sollecitazioni rivolte nel corso dell’ultimo anno al c.d. "governo dei tecnici" questa volta, grazie soprattutto alla sensibilità, alla competenza e all’impegno del Viceministro allo Sviluppo Economico, Antonio Catricalà e all'interessamento del Vice ministro all'Economia, Luigi Casero le nostre istanze sono state riconosciute, l'auspicio è che anche nel prosieguo dei lavori in aula ci sia la stessa sensibilità e attenzione dimostrata in Commissione ed in particolare dai firmatari (Francesco Boccia , Francesco Paolo Sisto e Massimo Enrico Corsaro)”. Grazie al provvedimento approvato le emittenti televisive locali, a fronte delle somme incassate a titolo di “misure economiche di natura compensativa” hanno la possibilità di optare per il differimento della loro imposizione in più esercizi e non nell'esercizio dell'incasso dell'indennità risarcitoria. "Oltre a rendere giustizia alle circa 140 imprese - continua Giunco - a cui sono state sottratte le frequenze di trasmissione, l'atto del governo denota finalmente un'attenzione verso un comparto che negli ultimi anni è stato caratterizzato dall'assenza di dialogo con le istituzioni governative. L'apertura dell'attuale esecutivo, il cui principale merito va riconosciuto al Viceministro Catricalà, fa ben sperare circa la possibilità di procedere al riassetto condiviso del sistema televisivo locale sfinito dalla crisi e dalla disattenzione degli ultimi anni." (E.G. per NL)
 
22/07/2013 13:16
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.