Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv locali, contributi, Emilia Romagna: Tribunale del riesame accoglie ricorso di Teleducato. Eccessive misure interdittive

Si sgonfiano le accuse di truffa aggravata ai danni dello Stato e di falsità ideologica a carico dell'emittente parmense Teleducato e del suo editore Pier Luigi Gaiti.
Il tribunale del Riesame di Parma ha infatti parzialmente accolto l'appello della società proprietaria, la Telemec spa, contro la revoca dei contributi percepiti fino al 2012. Anche il vincolo sulla cessione dei diritti d'uso delle frequenze DTT derivanti dai canali analogici assentiti a Teleducato Parma, Teleducato Piacenza e Allnews, prima inibiti all'alienazione su disposizione dell'autorità giudiziaria, con un'apposita (inedita e controversa in diritto) iscrizione al Catasto delle frequenze presso il Registro Operatori delle Comunicazioni presso l'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, è caduto e l'attività di operatore di rete può ora essere esercitata appieno. Ricordiamo che la società editrice, la Telemec ed il suo amministratore/editore sono accusati di aver presentato documenti ai fini dell'ottenimento dei contributi pubblici destinati ai fornitori di servizi media audiovisivi locali che non avrebbero delineato una situazione corrispondente alla realtà editoriale, commerciale e contabile dei marchi/palinsesti di derivazione analogica. Un'accusa respinta con determinazione dai vertici, che hanno sempre sostenuto di aver agito correttamente entro i confini di norme indiscutibilmente complesse e di (più che) dubbia interpretazione (da più parti si era detto che, applicando la lettura della Procura di Parma, la gran parte delle emittenti italiane avrebbe subito la stessa sorte di Teleducato). A riguardo delle ultime evoluzioni della vicenda, a seguito della norma che attribuisce la responsabilità penale anche in capo alle persone giuridiche, la Telemec era stata destinataria di una misura cautelare interdittiva emessa dal gip per la revoca di quasi tre milioni di euro di contributi pubblici percepiti dal 2008 al 2013 e per l'esclusione da ogni forma di finanziamento per un anno. Una costrizione che, se non fosse stata revocata dal Tribunale del Riesame, avrebbe con ogni probabilità comportato il fallimento dell'azienda. L'organo di secondo grado della magistratura penale parmense ha invece parzialmente accolto l'appello della società, annullando la revoca dei contributi già percepiti (e confermando l'esclusione di Telemec da agevolazioni, finanziamenti contributi e sussidi per la sola durata di un anno, con contestuale blocco dei contributi del 2013 deliberati e non ancora erogati). Per tracciare i possibili sviluppi bisognerà ora attendere le motivazioni del dispositivo (che saranno depositate entro 45 giorni), anche se la situazione sul piano penale appare ora decisamente meno tetra e la storica tv emiliana può guardare con più serenità al proprio futuro, che rimane comunque difficile anche per la coincidenza delle numerose difficoltà che attengono all'intero comparto. (E.G. per NL)
30/05/2015 07:09
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.