Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv locali, crisi Sardegna Uno: proseguono le trattative tra proprietà e dipendenti. Passo avanti sugli stipendi arretrati
Raggiunto l'accordo che prevede il pagamento della metà degli stipendi ancora dovuti ai dipendenti dell'emittente televisiva Sardegna Uno. I lavoratori chiedevano il pagamento degli stipendi di luglio, agosto, settembre, ottobre e 14esima.
Già nei giorni scorsi era stata diffusa la notizia (inesatta) da alcune agenzie ma un sit-in dei giornalisti davanti la Banca di credito sardo presieduta dall'editore della tv Giorgio Mazzella e le parti in riunione per cercare di trovare un comune accordo con il prefetto Giovanni Balsamo e per esaminare la reale situazione delle somme che la proprietà di Sardegna 1 rivendica nei confronti dello Stato e dell'Inps (stimate dall'editore in circa sue milioni di euro) avevano dimostrato il contrario. L’editore aveva lanciato un comunicato stampa, in cui scriveva: “Lo sciopero è un vostro diritto, ma la scelta di tenere un sit-in di fronte alla sede della Banca di credito sardo, che mi onoro di presiedere, denota una totale caduta di stile ed è un ricatto al quale, per principio, non posso cedere. La strada che avete scelto di percorrere, qualora voleste perseguirla, mi allontanerà totalmente e definitivamente dall’azienda e spegnerà ogni mio desiderio di continuare a combatterla per rilanciarla”. Ed ancora al Tg3 Sardegna: "Lo Stato ci deve due milioni di euro: cosa devo fare nel frattempo per pagare gli stipendi, vendermi la macchina?". (R.R. per NL)
14/10/2012 06:52
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.