Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv locali, Emilia Romagna. TRC (Modena) in controtendenza: assume 16 persone e apre sede a Bologna
TRC, l'emittente tv di modena legata alla potente coop estense, naviga in controtendenza. Non solo annuncia l'assunzione di 16 dipendenti, ma aprirà una redazione anche a Bologna per puntare forte sul mercato regionale.
Le novità sono nel rinnovo del contratto integrativo firmato nei giorni scorsi. «La direzione di trc, assistita dall'editore coop estense, e i rappresentanti sindacali di tecnici e giornalisti - si legge in un comunicato - hanno raggiunto questa importante intesa che porterà all'assunzione di 16 persone nel corso della vigenza contrattuale, di cui otto già nel 2014«. In questo modo «sarà possibile consolidare nel tempo il nuovo palinsesto varato da trc nel corso del 2013 con l'avvio di molti nuovi programmi che stanno incontrando il favore dei telespettatori«. In particolare, «a Modena si procederà alla stabilizzazione di collaboratori dell'emittente che saranno assunti a tempo indeterminato, mentre parallelamente si procederà all'assunzione di tecnici e giornalisti per attivare la redazione di Bologna«. Commenta l'operazione l'amministratore unico Massimo Ferrari: «TRC - afferma - con la firma di questo nuovo integrativo aziendale pone le basi per continuare a essere una voce autorevole nel panorama informativo regionale e per provare a crescere ulteriormente con la prossima apertura della redazione di Bologna«. Il nuovo integrativo prevede anche una maggiorazione aggiuntiva per il lavoro festivo e domenicale e l'introduzione di premi di risultato variabili, fino a un massimo di 900 euro annuali. Inoltre, con la busta paga di dicembre sarà pagata a tutti i 22 dipendenti oggi in organico una una tantum di 600 euro per i buoni risultati conseguiti nel 2013. (DIRE)
30/12/2013 07:47
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.