Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv locali, Friuli VG, Free Tv (Antenna 3 N.E.): sei giornalisti, che non ricevono lo stipendio dallo scorso gennaio, hanno deciso di incrociare le braccia

Hanno continuato a lavorare per mesi, pur non percependo una paga, nella speranza che la situazione si sbloccasse. Ma adesso i sei giornalisti delle redazioni ora accorpate di Udine e Trieste dell'emittente Free, proprietà di Antenna Tre NordEst Spa, che non ricevono lo stipendio dallo scorso gennaio, hanno deciso di incrociare le braccia.
Non si tratta di uno sciopero - dice il consulente del lavoro Simone Tutino, che assiste quattro di loro -, ma di astensione dal lavoro, perché i lavoratori non hanno nemmeno le risorse per effettuare gli spostamenti da casa al luogo di lavoro. Non ricevendo da diversi mesi lo stipendio la situazione è problematica anche per chi deve semplicemente far fronte alle spese ordinarie e alle bollette”. Giornalisti e operatori, sottolinea Tutino, sono professionisti eccellenti, che hanno già sopportato periodi di crisi, ritardi e mancati pagamenti di stipendi: a settembre 2012 si era presentata la stessa situazione, con la mancata corresponsione di mensilità e la relativa astensione del lavoro. Altro aspetto sottolineato dal consulente del lavoro è che alla domanda posta all'azienda se almeno i contributi fossero stati versati è stato risposto che i lavoratori avrebbero dovuto vedersela con l'ente previdenziale stesso. “Ma i contributi sono una parte integrante della paga mensile del lavoratore – obietta Tutino -: se non vengono versati si può ravvisare anche un'eventuale appropriazione indebita, che sconfina nel penale”. “Se si è atteso così tanto tempo prima di agire – precisa Tutino - è perché si credeva in una possibile cessione aziendale, che però ormai pare non sia neppure nei piani futuri dell'azienda”. Stando alle voci circolate in questi mesi pareva infatti che l'emittente Udinese Channel fosse interessata all'acquisizione, ma sembra che anche la tv udinese abbia fatto un passo indietro. “Ad indurci all'astensione dal lavoro è stato anche il fatto che l'azienda in questi giorni ha richiesto ai suoi giornalisti la sottoscrizione di un accordo in sede sindacale per sollevare Antenna Tre NordEst da ogni eventuale inadempimento commesso negli anni e/o da responsabilità per illeciti. Chi ha sottoscritto questo accordo ha ricevuto la mensilità di gennaio e una somma come incentivo all'esodo: si tratta di un pagamento preferenziale. Noi abbiamo detto che avremmo firmato questo atto solo quando ci fosse stato un passaggio alla nuova società, ma ciò non si è verificato, così abbiamo deciso di procedere”. Tuttavia, sottolinea Tutino, quella dei giornalisti non è una dichiarazione di guerra all'azienda: “Siamo disponibili in qualsiasi momento a sederci a un tavolo di trattativa, per sanare le posizioni e per riprendere il lavoro. Ma se nulla dovesse accadere i lavoratori dovranno licenziarsi per giusta causa, anche al fine di poter accedere alle liste di disoccupazione con tutte le tutele previste dalla legge”. Nel frattempo Free è scomparsa dal canale 17, che ora trasmette i programmi di AntennaTre. (www.assostampafvg.it)
04/05/2015 13:19
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.