Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv locali, il Governo mantiene le promesse di Lupi (PDL): cancellati dal Milleproroghe i 45 milioni di euro previsti dalla legge di Stabilità
Maurizio Lupi (PDL) ha mantenuto la promessa: “Sono pronto a negare le risorse previste per le tv locali“, aveva dichiarato esattamente un mese fa al quotidiano La Repubblica.
Et voilà” detto e fatto, in un sol colpo il “decreto milleproroghe” ha azzerato 45 milioni di euro destinati dalla legge di stabilità 2011 all'emittenza radiotelevisiva locale, oltre ad ulteriori fondi a sostegno dell'editoria e del digitale terrestre", ha commentanto oggi Maurizio Giunco, editore della lombarda Espansione Tv e presidente dell'Associazione Tv locali FRT (Federazioni Radio Televisioni). "Senza dubbio - ha spiegato Giunco in una nota diffusa oggi - questo potrebbe essere il colpo decisivo assestato dal Governo Berlusconi all'emittenza locale che potrebbe portare al definitivo tracollo del comparto già messo a dura prova da una serie di azioni attuate proprio attraverso la Legge di stabilità recentemente approvata dalle Camere. Ricordiamo infatti che questo provvedimento ha previsto la sottrazione alle tv locali di ben nove frequenze (canali da 61 a 69) da destinare alla telefonia mobile, oltre ad una delega in bianco al Ministero dello sviluppo economico al fine di fissare nuovi e pesanti obblighi per gli operatori televisivi locali. Tutto ciò proprio nel momento in cui lo stesso Governo si appresta ad assegnare gratuitamente ad alcune reti nazionali alcune frequenze coordinate del cosiddetto dividendo interno. L'Associazione Tv locali della FRT desidera portare a conoscenza dell'opinione pubblica che il perdurare dell'azione governativa a danno dell'emittenza locale porterà fatalmente ad un inasprimento della crisi del sistema (già avviata con la richiesta di apertura dello stato di crisi del settore nella regione Sardegna) alla perdita di numerosi posti di lavoro oltre che ad una riduzione se non addirittura alla scomparsa della pluralità dell'informazione sul territorio. I cittadini sapranno senza dubbio chi ringraziare". (A.M. per NL)
22/12/2010 21:37
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.