Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv locali, Lazio: giornalisti T9 (Caltagirone) in sciopero per 3 giorni. Da 8 mesi in "preavviso" , società in liquidazione da ieri l'altro
 
Si complica la situazione della nota emittente romana T9 (già Teleregione) diffusa su Lazio e Roma, di proprietà dal 1989 della Sidis Vision del gruppo Caltagirone (insieme all'altra stazione di antica memoria, Teleroma 56).
Nel merito, a seguito delle mancate risposte da parte del liquidatore della Sidis Vision spa in liquidazione, Arturo Mechelli alle richieste di chiarimento sull’organizzazione lavorativa dopo la cessazione di tutti i rapporti contrattuali dei tecnici fatte dal fiduciario di redazione Alessandro Tittozzi, dal Consigliere dell’Associazione Stampa Romana Francesco Latini, la redazione in stato di agitazione ha proclamato un pacchetto di 3 (tre) giorni di astensione dal lavoro a partire da martedì 3 marzo 2015. "In questi mesi i giornalisti del Tg9, pur licenziati già da settembre, si sono impegnati con grande senso di responsabilità a realizzare un prodotto giornalistico che con il passare delle settimane ha avuto a disposizione sempre meno professionalità tecniche. Da ieri lunedì 2 marzo, la Sidis Vision Spa in liquidazione non ha più in organico neanche un tecnico, queste figure professionali sono state sostituite da altre di cui né il direttore responsabile, né il fiduciario di redazione, né la redazione conoscono l’effettivo inquadramento contrattuale e lavorativo. Non sappiamo se i tecnici licenziati in questi mesi sono stati sostituiti da partite Iva o peggio ancora da lavoratori volontari. I giornalisti da mesi registrano anche la palese violazione del contratto collettivo nazionale di categoria; l’editore Edoardo Caltagirone e il liquidatore Arturo Mechelli non intendono tenere conto di quanto prescritto dal contratto e cioè che in virtù della particolare natura della professione giornalistica i giornalisti licenziati non possono scontare un preavviso lavorato e per di più per un periodo così lungo( 8 mesi) senza gli adeguati supporti tecnici e professionali. Inoltre i giornalisti vedono lesa la propria dignità professionale e di conseguenza il diritto/dovere di informare i telespettatori nel rispetto del pluralismo. I giornalisti di T9 intendono andare avanti con questa forma di protesta per evitare che un concessionario pubblico come un editore televisivo possa calpestare un istituto fondamentale della democrazia quale è la contrattazione collettiva". (E.G. per NL)
04/03/2015 09:14
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.