Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv locali, Lombardia. Consiglio regionale: Boni, le tv locali risorsa da salvaguardare
Trascorso un anno dallo switch-off, la Lombardia presenta un'offerta digitale superiore alla media nazionale e si e' sviluppato un forte modello multicanale che interessa il mondo dell'emittenza locale.
E' quanto emerge da una ricerca, commissionata a Eupolis dal Corecom lombardo, presentata il 16 marzo al Consiglio regionale. Su 48 emittenti televisive lombarde contattate dai ricercatori, 34 hanno fornito risposte complete. Nel 2009 le societa' concessionarie di tv locali in Lombardia hanno generato un fatturato complessivo secondo in Italia solo a quello del Veneto e pari a 82,05 milioni di euro, ha spiegato il Consiglio regionale, corrispondenti al 13,8 per cento dei ricavi totali, con un decremento di 13,1 milioni di euro rispetto all'anno precedente. I lavori sono stati aperti dal presidente del Consiglio regionale Davide Boni che ha affermato: ''Le tv locali sono una risorsa che il Consiglio regionale intende salvaguardare. Dietro un canale ci sono professionalita', posti di lavoro. Ecco perche' vanno difese. Noi faremo una battaglia per una difesa a oltranza delle piccole e medie aziende che fanno informazione nel nostro territorio e che non possono contare sui proventi del canone''. (fonte ASCA)
 
19/03/2012 15:28
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.