Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv locali, Lombardia: Televallassina chiude perché esclusa dalle posizioni utili della graduatoria del Ministero
Il Ministero dello Sviluppo Economico in data 14 dicembre ha inviato a Televallassina, emittente storica delle provincie di Como e Lecco, la comunicaizone di spegnimento degli impianti "per la non classificazione utile ai fini dell'assegnazione di una frequenza in tecnica digitale".
L'emittente diffondeva dalla sede di Asso, strada per Bellagio 3, unitamente agli altri canali Tvs Extra, Tvs Doc, Tvs Bahn, Tvs Carton e Tvs Story. Televallassina (logical number 110) nasce nel 1984 su iniziativa di Maurizio Ghillioni, oggi affiancato dal figlio Daniele. La tv conta 6 dipendenti e un segnale trasmesso in 150 comuni per una popolazione totale di 600 mila abitanti fra Brianza e Lario. Nel palinsesto spiccava il tg di informazione locale in onda tutti i giorni della settimana. Ghillioni sulla sua tv ha dichiarato: "È una scelta editoriale. Rinunciamo ad un po' di quattrini, ma offriamo trasmissioni che raccontano la vita di un territorio casa per casa, paese per paese. Con la pubblicità che quest'anno è diminuita del 15%, con gli enti locali che in nome della spending review non finanziano più nessun programma, con i 350 mila euro che abbiamo dovuto investire per passare dall'analogico al digitale rottamando impianti e ripetitori, ci mancava solo il bando per le nuove frequenze a mettere in pericolo la nostra sopravvivenza. Non è giusto sacrificare storia, qualità e tradizione in nome della diffusione del segnale su più province, o regioni. E allora, non ci resta che incrociare le dita e sperare. Però siamo di fronte a un criterio selvaggio, che ci impedisce di lavorare con serenità e di programmare il futuro per continuare a offrire ai nostri telespettatori un palinsesto di prim'ordine. E' un altro colpo basso nel tentativo di farci chiudere. Questa nuova gara per la riassegnazione delle frequenze è una vergogna. Perché premia i grandi e mira a distruggere i piccoli". (R.R. per NL)
 
 
 
 
15/12/2012 17:14
 

TeleVallassina

E stiamo davvero tutti zitti a guardare? Sei persone a casa? Pazienza, avremo tanto internet senza fili in piu' da mangiare. Non stiamo a guardare!

sabato100

NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.