Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv locali, misure di sostegno. In corso i pagamenti, ma previsti ulteriori ritardi per le prossime scadenze
Sono finalmente in corso i pagamenti delle misure di sostegno alle tv locali relativi al secondo acconto 2010 e al saldo 2011. Ne dà conto l'associazione Aeranti-Corallo, che ricorda che "il ritardo si era ulteriormente aggravato a causa della errata im-postazione del piano di riparto, tra i diversi bacini regionali, relativo al 2011, di cui al DM 31 ottobre 2012, pubblicato in G.U. n. 273 del 22 novembre 2012, che ha reso necessaria una rettifica dello stesso".
Il nuovo decreto relativo al riparto 2011 è stato registrato alla Corte dei Conti il 5 dicembre u.s e deve essere pubblicato in Gazzetta ufficiale. "Alcune imprese televisive - ricorda il sindacato - hanno già ricevuto i pagamenti relativi al secondo acconto 2010 ed è presumibile che gli altri pagamenti al riguardo e quelli relativi al 2011 vengano effettuati nei prossimi giorni. Con riferimento all’annualità 2010, occorre precisare che tale secondo acconto rappresenta una quota parte di una integrazione alle misure di sostegno per tale anno la cui erogazione è prevista in tre tranche (la prima nel 2012, la seconda nel 2013 e la terza e ultima nel 2014). Occorre inoltre rilevare che il bando per la presentazione delle domande relative alle misure di sostegno per l’anno 2012, sottoscritto dal Ministro il 15 ottobre 2012 (si veda risposta resa dal Ministero all’interrogazione parlamentare n. 4-18478 del 13 novembre 2012) pur essendo stato registrato alla Corte dei Conti lo scorso 30 novembre non è ancora stato pubblicato in Gazzetta ufficiale e non è quindi ancora operativo". "Il grave ritardo nella pubblicazione di tale provvedimento (ricordiamo che avrebbe dovuto essere emanato entro il 31 gennaio 2012), comporterà presumibilmente un rilevante ritardo anche nell’erogazione dei relativi contributi", ricorda l'associazione che evidenzia che  "frattanto, il giorno 12 dicembre il Ministero ha inaspettatamente sottoposto a consultazione pubblica un nuovo schema di regolamento per le misure di sostegno alle tv locali a partire dall’anno 2014. I nuovi criteri ipotizzati per l’attribuzione dei contributi non appaiono però condivisibili e sono numerose anche le criticità tecniche del suddetto schema". (M.L. per NL)
19/12/2012 08:55
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.