Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv locali, Puglia. Protestano i lavoratori di TeleNorba: si faccia chiarezza sulla reale situazione dell'emittente
"Siamo i lavoratori dell’emittente televisiva Telenorba (tecnici e operatori di ripresa) e chiediamo all’azienda il rispetto dovuto. E’ giunta l’ora, infatti, di fare luce su situazioni poco chiare che vivono di silenzi e complicità".
Inizia così una nota inviataci dal "Gruppo spontaneo CIGD Telenorba Lecce" (pagina Facebook qui), con richiesta di pubblicazione. "Il fatto che Telenorba abbia assunto, negli anni, un ruolo da ‘prima della classe’ nel panorama dell'emittenza locale non può e non deve legittimare comportamenti arroganti o violazioni di accordi e norme. Vogliamo sia ristabilita la legalità e il principio in base al quale la legge è uguale per tutti: non si può giocare con la vita delle persone", spiegano i lavoratori della superstation pugliese nel lungo comunicato che pubblichiamo nelle sue sezioni più importanti. "Esigiamo risposte da chi si erige pubblicamente a paladino dei diritti dei lavoratori e sottovaluta i diritti del proprio personale; da chi continua a ricevere cospicui finanziamenti (11 milioni e 400 mila euro secondo i dati del Corecom) e registra dati Auditel in crescita. Esprimiamo anche forti perplessità rispetto alla presunta crisi del gruppo Norba: a giudicare dagli investimenti per Radionorba TV (approdo sulla piattaforma Sky in collaborazione con Tgcom24), sbandierati ad alta voce, infatti, si direbbe il contrario", continuano i dipendenti della più grande tv locale italiana. "Ricordiamo che, da mesi, molti lavoratori sono rimasti a casa, senza percepire neppure un euro. In più saltano agli occhi alcune disparità tra i dipendenti: un gruppo di ‘fortunati’ continua ad essere retribuito con stipendi che arrivano fino a 4mila euro al mese, molti altri, invece, se la passano decisamente peggio". "L’elenco delle nostre rivendicazioni è lungo: mancato rispetto della turnistica e delle ore di straordinario; spostamento sistematico di personale in altri settori; ritardo nell'erogazione dei pagamenti (le mensilità arretrate sono dieci) determinato da una mancanza dell'azienda e non sono stati neppure consegnati tutti i documenti richiesti", spiega il comunicato. "All’interno del gruppo Norba vi è un clima di assuefazione disarmante, determinato dall’incertezza sul futuro cui si lega lo spettro del licenziamento alle porte per 50 dipendenti: il 30 giugno 2014 scadranno, infatti, i due anni di cassa concessi e con il rinnovo ottenuto solo fino a marzo. Per queste ragioni chiediamo alle autorità competenti e agli organismi di controllo, l'istituzione di una commissione d'inchiesta che faccia luce sulle modalità di ricorso agli ammortizzatori sociali, restituendo i posti di lavoro arbitrariamente negati. Distanti da qualsiasi forma di strumentalizzazione, chiediamo un incontro urgente con istituzioni, politici e parlamentari pugliesi affinché ci dimostrino esista ancora lo Stato di diritto; evitino il ripetersi di situazioni grottesche come questa, rivedendo i criteri di risorse all'editoria e prendano consapevolezza di come i fondi destinati all'occupazione servano, invece, a fare cassa sulla pelle dei dipendenti. La violazione della sfera personale, esistenziale, professionale e morale non può essere una pratica comune. Telenorba non può fare come gli pare". La parola passa ora alla direzione di Telenorba, se riterrà di replicare su queste pagine. (M.L. per NL)
25/02/2014 08:31
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.