Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv locali, Sardegna 1 Tv: dipendenti minacciano cinque giorni di sciopero
L'assemblea dei lavoratori dell'emittente televisiva regionale Sardegna Uno ha affidato alle rappresentanze sindacali di giornalisti, tecnici e amministrativi cinque giornate di sciopero per ottenere il pagamento delle mensilita' arretrate.
La decisione e' stata assunta dopo l'incontro dei sindacati con l'editore Giorgio Mazzella, imprenditore del settore turistico che e' anche presidente della Banca di Credito sardo (gruppo Intesa). In un comunicato congiunto il comitato di redazione, l'associazione della Stampa sarda e le Rsu di Slc-Cgil e Uilcom-Uil, ricordano come grazie al contratto di solidarieta' siglato nel febbraio scorso l'azienda "con il sacrificio dei lavoratori" abbia gia' beneficiato di un "considerevole risparmio" sulle retribuzioni. "Sardegna Uno, con il sostegno delle organizzazioni sindacali ha, inoltre, gia' ottenuto, la possibilita' di accedere alla formazione professionale, la prospettiva di ulteriori risparmi sul costo del lavoro, mentre l'amministrazione regionale negli ultimi mesi ha destinato all'emittente ingenti risorse per la pubblicita' istituzionale", si legge nel comunicato congiunto. "Nonostante cio', l'azienda non fa fronte ai suoi impegni con i dipendenti e giustifica lo stato di insolvenza con la mancata erogazione delle risorse statali destinate alle televisioni private (circa due milioni di euro). Per il recupero crediti, l'editore indica un'unica soluzione: l'intervento diretto della Fnsi, dei giornalisti e delle rappresentanze sindacali dei tecnici. Questo e' inaccettabile. Lavoratori e sindacati chiedono l'immediato pagamento delle mensilita' arretrate e proclamano una prima giornata di sciopero. Data e modalita' dell'astensione dal lavoro saranno comunicate nelle prossime ore". (AGI)
 
03/10/2012 17:41
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.