Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv locali, Sardegna. Preoccupazione per lavoratori Videolina. Nel mirino sindacati anche Regione e Confindustria tv
Storiche tv private sarde alle prese con la crisi e il ridimensionamento: i sindacati lanciano l'allarme. "Ancora non si è spento l'eco dell'ultima vertenza nel settore - denuncia Tonino Ortega, segretario generale Uilcom Sardegna - che in queste ore Videolina apre le procedure di mobilità, con la prospettiva di licenziamento di metà del personale tra giornalisti, impiegati e tecnici di produzione".
Molta preoccupazione per il futuro, secondo il sindacato, "nonostante la possibilità di produrre - aggiunge Ortega - attraverso gli incentivi regionali stanziati proprio a tutela della specificità culturale e linguistica Sarda. Ci chiediamo come Videolina, che ha incarnato quasi mezzo secolo di storia di questa terra (nel 2015 compirà quarant'anni) - possa illudersi di affrontare il futuro azzerando proprio il settore delle produzioni che l'ha resa patrimonio di un intero popolo sia residente nell'isola che, grazie alle nuove tecnologie, migrante in tutto il mondo". Nel mirino della Uil ci sono anche i tagli all'editoria, la Regione e Confindustria Tv. "E' sconcertante - spiega il sindacato - che la Regione possa esimersi da divenire partner strategico in un quadro così preoccupante, nel quale fa registrare anzi un calo della pubblicità istituzionale". E ancora: "ha assistito inerte al crollo di un patrimonio imprescindibile come quello dell'emittenza tv locale, la cui lenta morte non solo sta erodendo l'universale diritto all'informazione, ma priverà un intero popolo dello strumento più efficace per la conservazione e diffusione dell'inestimabile patrimonio culturale della nostra Isola". (ANSA)
09/12/2014 17:59
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.