Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv locali, Sicilia: è crisi anche a Videomediterraneo e Video Uno
Sono undici, tra giornalisti e tecnici, gli esuberi di VideoUno, l'emittente televisiva siciliana nata da una costola di Video Mediterraneo, di cui è editrice Graziana Carpentieri, figlia di Enzo e nipote di Carmelo, editore di Video Mediterraneo che ne ha licenziati ventidue.
L'editore ha ribadito la triste scelta di licenziare il personale come unica via di uscita dalla crisi aziendale. Intanto, è notizia di oggi che Video Mediterraneo potrebbe affittare il proprio canale del digitale terrestre a un importante player milanese, che avrebbe interesse a creare una rete a copertura nazionale. Secondo tale prospettazione, la tv siciliana manterrebbe soltanto alcune finestre nel corso della giornata; una scelta che, qualora andasse in porto, avrebbe una conseguenza immediata sul personale: i licenziamenti potrebbero infatti passare da ventidue a trentasei unità e resterebbero al lavoro quindici persone sugli attuali cinquantuno assunti. La notizia circola da un paio di giorni nei corridoi dell'emittente televisiva e sta destando non poche apprensioni. Carmelo Carpentieri ha dichiarato: "Dobbiamo chiarire che a nessuno devo 13 mesi. I sindacati stanno giocando sui numeri. Semmai, devo la tredicesima; ma più di 6, 7 mesi di arretrati non li devo a nessuno. Possiamo solo adattarci al periodo: è tempo di crisi e dobbiamo per forza ridimensionare il personale. Il piano c'è da tre anni, ma non lo vogliono considerare, perché devono ostacolare i licenziamenti, senza capire che almeno così avremmo tutti un po' di serenità: io, perché non so più che risposte dare a questi lavoratori (che per me vengono al primo posto), e loro, gli stessi dipendenti, che a fine mese, con la disoccupazione, avrebbero un'entrata sicura, almeno per qualche tempo. E' certo che il periodo è difficile per tutti e basterebbe un po' di buon senso per capire certe circostanze. Per capire che oggi ci possiamo permettere giusto l'indispensabile. Se ho sbagliato non l'ho fatto per volontà di sbagliare, ma pensando di fare bene". (R.R. per NL)
 
19/10/2012 07:41
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.